22 novembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 08.18
Palermo Incontro tra l'assessore e i vertici regionali del sindacato

Sanità, Gucciardi presenta piano rete ospedaliera. Arriva ok dei sindacati, “ora servono le assunzioni”

9 gennaio 2017

L’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, ha presentato alle organizzazioni sindacali il documento sulla riorganizzazione della rete ospedaliera in Sicilia. “L’emanazione del DM 70/2015 impone un nuovo metodo di programmazione dell’assistenza ospedaliera. Tale metodologia vede la Rete dell’Emergenza e Urgenza essere allo stesso tempo spina dorsale e punto di partenza per la riclassificazione degli ospedali e la costituzione della nuova rete ospedaliera”, spiega l’assessore, che esprime “soddisfazione per il serio contributo offerto e per l’apprezzamento positivo delle organizzazioni sindacali sulla rete dell’emergenza urgenza ospedaliera”. “La rete ospedaliera dell’emergenza – si legge in una nota dell’Assessorato regionale – e’ costituita da strutture di diversa complessita’ assistenziale che si relazionano secondo il modello hub and spoke. Tali strutture sono in grado di rispondere alle necessita’ d’intervento secondo la complessita’ delle patologie e dell’intensita’ delle cure che richiedono”. “Il riordino della rete ospedaliera regionale persegue quindi – prosegue la nota – specifici obiettivi di riqualificazione dell’assistenza sanitaria, che si intendono raggiungere con l’articolazione in ‘Hub’ (Dea di II livello) e ‘Spoke’ (Dea di I livello), Pronto soccorso di base e Pronto soccorso di area disagiata”. “La nuova rete – puntualizza la nota – nasce dall’esigenza di rendere uguale il diritto alla salute per tutti i cittadini che potranno essere curati nei reparti attrezzati per la patologia che li ha colpiti. In particolare, la rete e’ strutturata in maniera tale da garantire le migliori risposte in termini di tempo e di qualita’ dell’assistenza per le patologie di elevato impatto sociale quali infarto, ictus, emorragie gastrointestinali nonche’ per i gravi traumatismi”.

L’incontro con Gucciardi si è rivelato ancora una volta proficuo, apprezziamo il coraggioso impegno con cui l’assessore ha portato avanti la riorganizzazione del sistema sanitario regionale. Il prossimo passo però sono le assunzioni, fondamentali per assicurare servizi efficienti e per rendere la riorganizzazione veramente efficace”.

mimmo-milazzo
Mimmo Milazzo

Lo hanno detto il segretario generale della Cisl Sicilia, Mimmo Milazzo, ed il segretario generale della Cisl fp Sicilia, Gigi Caracausi, al termine di un incontro con l’assessore alla Salute, Baldo Gucciardi, che ha presentato alle organizzazioni sindacali il documento sulla riorganizzazione della rete ospedaliera. “Il metodo ispiratore per la redazione del documento – aggiungono Milazzo e Caracausi – è frutto di un lavoro attento, all’interno di una cornice normativa nazionale (il cosiddetto Decreto Balduzzi) che non sempre si adatta alle esigenze della realtà  siciliana ed è  quindi figlio di questo quadro normativo. Auspichiamo però che i successivi passaggi politico – istituzionali abbiano luogo rapidamente per poter sbloccare le assunzioni nel più breve tempo possibile e senza sconvolgere l’impianto oggi presentato. solo così la riorganizzazione della rete ospedaliera potrà effettivamente garantire servizi efficienti“.

Tag:
LiberiNobili di Laura Valenti
Una grande scoperta in neuroscienze: il fattore Mozart
Senza che ce ne rendiamo conto, la Scienza continua a evolvere, grazie a menti eccelse come quella di Vincenzo Galatro, docente, autore e ricercatore in Neuroscienze e Psicologia cognitiva, di fama internazionale, massimo esperto mondiale sul cervello di Mozart oltre che enfant prodige.
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...