22 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.10

Previsti interventi di numerosi esponenti delle istituzioni

Vitigni autoctoni e vitigni antichi, un convegno a Palazzo dei Normanni

21 Giugno 2017

Venerdì 23 giugno alle 10.30, nella Sala Mattarella di Palazzo dei Normanni a Palermo, si terrà un convegno sulla tutela del patrimonio genetico dei vitigni autoctoni e dei vitigni antichi siciliani, dove verrà presentata una ricerca unica nel suo genere, racchiusa nel libro “Identità e ricchezza del vigneto Sicilia”.

Rappresentanti delle istituzioni, del mondo universitario, della pubblica amministrazione regionale e del comparto vitivinicolo si confronteranno sul valore della straordinaria biodiversità del vigneto siciliano e sulle nuove opportunità di mercato legate alla valorizzazione dei vitigni autoctoni. Il dibattito sarà moderato dal giornalista Felice Cavallaro, concluderà l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici.

La ricerca, promossa dall’Assessorato Regionale Agricoltura ha permesso di recuperare numerose varietà storiche di cui si erano perse le tracce e si concentra sulle specificità di 7 vitigni di interesse regionale, 13 di interesse locale, 12 tipologie minori, 70 varietà antiche e 13 cloni già regolarmente omologati.

Di seguito il programma dei lavori.

Saluti istituzionali                                 

On. Giovanni Ardizzone – Presidente Ars, On. Rosario Crocetta – Presidente Regione Siciliana, Prof. Fabrizio Micari – Rettore Università degli Studi di Palermo.

Modera

Felice Cavallaro – giornalista Corriere della Sera.

Relazioni

Prof. Attilio Scienza – Università di Palermo (La Sicilia del vino e il Mediterraneo), Rosario Lentini – storico dell’economia (l’ampelografia siciliana dall’età moderna al 900), Prof. Rosario Di Lorenzo – Università di Palermo (La viticoltura siciliana dalla tradizione all’innovazione), Dott. Dario Cartabellotta –  Dirigente generale Dipartimento regionale Pesca – (La genesi del progetto: la valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani). Dott. Gaetano Cimò – Dirigente generale Dipartimento Agricoltura (Vigneto Sicilia: un settore in crescita)

Interventi programmati

Dott. Marcello Giacone – Presidente Irvo, Dott. Maurizio Lunetta – Direttore Doc Sicilia, Dott. Francesco Ferreri – Presidente Assovini, Dott. Leonardo Agueci – Presidente Providi e Vitesi.

Conclusioni

On. Antonello Cracolici – Assessore  all’Agricoltura Sviluppo Rurale e Pesca Mediterranea della Regione Siciliana.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.