25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” tutto ciò che c’è da sapere su “Reddito di cittadinanza” e “Quota 100” | VIDEO

7 Aprile 2019

 

Guarda in alto il video della 57ª puntata

In questa 57ª puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 7 aprile 2019, parliamo di reddito di cittadinanza, di pensione di cittadinanza e di “quota cento”, i provvedimenti varati dal governo giallo-verde, per la concessione dei quali già nelle scorse settimane è stato possibile fare apposita istanza.

Per discuterne e scoprire tutti i particolari di queste novità, abbiamo invitato Saverio Giunta, dirigente area pensioni della direzione regionale dell’Inps, e Giorgio Sanzone, responsabile territoriale del Patronato Inas – Cisl.

Sanzone conferma come le richieste di reddito di cittadinanza in Sicilia e a Palermo stentino a decollare in termini numerici, probabilmente perchè molti attendono la scadenza della “Carta Rei” relativa al reddito di inclusione sociale, ma  – spiega – “sulla scarsezza dei numeri potrebbero avere influito anche le regole relative al possesso di requisiti che sono molto stringenti”. Giunta spiega che la legge di conversione, approvata il 28 marzo, ha previsto delle modifiche e una “stretta sui controlli. Fra le verifiche, ad esempio, i divorzi effettuati da settembre 2018 subiranno controlli più serrati”. 

I due ospiti spiegano procedure e dettagli sul reddito di cittadinanza, inclusi i limiti temporali e le modalità ed i tempi per richiederlo. Stesso discorso vale per la cosiddetta pensione di cittadinanza: il responsabile dell’Inps e quello dell’Inas Cisl sottolineano vari aspetti su questo beneficio, spiegando nei particolari una serie di requisiti, oltre al fatto che nel caso della pensione, la differenza con il reddito di cittadinanza sarà anche nelle somme erogate: i beneficiari potranno, infatti, optare anche per l’erogazione della somma in contanti, mentre nel caso del reddito di cittadinanza questo non è possibile.

Per quanto riguarda “Quota 100“, il requisito è costituto dalla domma del requisito anagrafico e di quello relativo agli anni di versamento di contributi. Per potere richiedere quota 100, deve sussistere il requisito di almeno 35 anni di contribuzione effettiva.

Guarda in alto il video della 57ª puntata

 

Foto di Roberta Zacco

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.