18 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.55
Palermo

L'1 e il 2 giugno

A Petralia Soprana si celebra lo Slow Food Day

24 Maggio 2019

Ci sono dei luoghi d’incanto, come Petralia Soprana, Borgo dei Borghi 2018, che, oltre ad avere tantissime frecce nel loro arco per storia, ricchezze naturalistiche, tradizioni, hanno pure una vivacità, una operosità e una voglia di futuro, ancorato, però, sempre al passato, che li rende, sicuramente, capofila ed esempio di una Sicilia bella che c’è e ha una visione chiara del cammino intrapreso e dei nuovi passi da fare.

L’Amministrazione comunale e gli abitanti di questo suggestivo borgo madonita possono definirsi, a ragione, “virtuosi”; questa introduzione vuole darvi un assaggio, anzi un antipasto, rendiamolo gustoso come realmente sarà, dello “Slow Food Day” che in Sicilia avrà come palcoscenico, l’1 e il 2 giugno, Petralia Soprana e che racconteremo, più approfonditamente, nei prossimi giorni.

Slow Food Day

Sabato 1 giugno e domenica 2 giugno in tutta Italia si celebrerà, repetita iuvant, lo Slow Food Day che vedrà Petralia Soprana assieme ai Borghi più belli d’Italia, che nella nostra isola sono rappresentati da: Castelmola, Casiglione di Sicilia, Castroreale, Cefalù, Erice, Ferla, Gangi, Geraci Siculo, Montalbano Elicona, Monterosso Almo, Novara di Sicilia, Palazzolo Acreide, Petralia Soprana, Salemi, Sambuca di Sicilia, San Marco D’Alunzio, Savoca, Sperlinga, Sutera, alle 19 condotte Slow Food, ai produttori dei presìdi e delle Comunità Slow Food. Il Tema sarà quello delle “Colture Resilienti“, a rischio di abbandono o cementificazione, che si possono individuare nei territori montani o nelle piccole isole. L’intento è quello di recuperare le belle “origini” da inserire nell’Arca del Gusto.

Tra le iniziative di questa due giorni, il “Piatto dei Borghi più belli d’Italia“.

In cosa consisterà? Il mistero svelato è un mistero svilito e noi vogliamo lasciarvi questa suspense e il sogno di una giornata che coniugherà bellezza e bontà.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.