20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.34

Lo comunica il sottosegretario Castelli

Accordo Stato-Regione, primo sì dal Mef: 300 milioni per Province e Città metropolitane

1 Marzo 2019

Primo sì da Roma, per uno dei punti chiave dell’accordo Stato-Regione siglato dalla Giunta regionale con l’assessore Gaetano Armao.

Province e Città metropolitane siciliane potranno tirare un sospiro di sollievo. Il Ministero dell’Economia ha  una proposta di accordo con la Regione siciliana in base alla quale lo Stato intende mettere a disposizione 300 milioni. La Regione, dal canto suo, si impegna ad aumentare di un importo equivalente, nel triennio, le risorse da destinare alle Province e alle Città metropolitane per aiutarle a uscire da situazioni di dissesto e si impegna a perfezionare il riordino delle medesime province, che ancora non è avvenuto.

L’annuncio è arrivato da Laura Castelli, viceministro dell’Economia: “Con questa proposta intendiamo far fronte, con una soluzione molto precisa, alla situazione di crisi di province e città metropolitane siciliane. Per questo auspichiamo che l’accordo possa essere raggiunto nei tempi più rapidi“, afferma l’esponente del Governo.

 

LEGGI ANCHE:

Il governo nazionale annuncia: “Un decreto per salvare le Province siciliane dal dissesto”

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.