25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Palermo

Iniziativa del gruppo Domina che gestisce strutture turistiche

Aeroporti: due nuovi voli da Palermo per Sharm e Bologna

12 Aprile 2019

Due nuovi voli diretti da e per Palermo sono stati presentati da Domina durante un incontro con tour operator e agenti di viaggio tenutosi all’aeroporto Falcone Borsellino con la collaborazione di Gesap.

Dopo tanti anni di assenza torna da metà luglio il diretto Palermo-Sharm El Sheikh (Egitto) con un volo settimanale ogni domenica. Domina, inoltre, continua a investire in Sicilia e fa anche incoming con un diretto Palermo-Bologna operato con Air Dolomiti che prevede la possibilità per i passeggeri di avere incluso nel prezzo un bagaglio in stiva e uno a mano.

Completano l’offerta sull’Egitto i due voli settimanali da Catania per Sharm El Sheikh.

“Domina – ha detto il direttore commerciale Ramon Parisi – continua a portare da tutto il mondo e dall’Italia turisti presso Domina Zagarella Sicily, completamente ristrutturato qualche anno fa. Ci presentiamo con la doppia veste di soggetto che fa incoming e outgoing”.

Aeroporto di Palermo, Gesap, Punta Raisi“Ospitiamo Domina qui all’Aeroporto di Palermo– ha detto Natale Chieppa, direttore generale di Gesap – perché non fa solo charter con obiettivi di outgoing ma anche operazioni di incoming che migliorano ulteriormente i dati già molto positivi dei flussi per il nostro scalo”.

Tra i presenti anche il sindaco di Santa Flavia, Salvatore Sanfilippo, che sta portando avanti una stretta collaborazione con Domina Zagarella Sicily, rappresentato dal vicedirettore Francesco D’Amico. “Abbiamo raggiunto il 70 per cento di differenziata, – ha detto Sanfilippo – un buon biglietto da visita per i migliaia di turisti che arrivano a Santa Flavia per andare a Domina Zagarella, oltre che per visitare il Parco Archeologico e la Basilica”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.