15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31
Trapani

LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Ambiente: Musumeci risponde a Cristaldi, sbloccati i lavori del fiume Mazaro

22 Agosto 2019

Nello Musumeci, presidente della Regione Siciliana, ha risposto in merito alle affermazioni dell’ex sindaco di Mazara del Vallo sullo stato dei lavori sul fiume Mazaro.”Per una questione di stile, ho sempre voluto evitare, nel passato, di polemizzare con l’onorevole Nicola Cristaldi, malgrado i suoi frequenti e pesanti attacchi a questo governo della Regione. E come nel passato, eviterò anche questa volta, ringraziandolo anzi per avermi giudicato ‘”persona seria’”.

Ho dichiarato, com’è noto – aggiunge il governatore – che sul Fiume Mazaro si è finalmente chiusa la stagione delle promesse e si è aperta quella dei fatti. L’ho fatto senza trionfalismi, ma con legittimo orgoglio, visto che se ne parla ormai da otto anni. Il progetto esecutivo dei lavori di dragaggio della foce del Fiume Màzaro, approvato anche dall’amministrazione di Mazara del Vallo quando sindaco era l’onorevole Cristaldi, prevede anzitutto la ricaratterizzazione del sedimento prima di essere conferito nella apposita vasca di colmata“.

Il cantiere è stato da noi avviato e l’impresa ha 45 giorni di tempo – afferma – per la trasmissione delle risultanze della caratterizzazione che è prevista a fine mese. Entro settembre inizieranno le vere e proprie operazioni di dragaggio che da crono-programma dovranno concludersi entro 180 giorni per un costo di oltre due milioni di euro“.

Inoltre, proprio a seguito dell’alluvione del novembre 2018 – prosegue Musumeci – il mio governo ha stanziato un altro mezzo milione di euro per i lavori di pulizia del fiume Mazaro, interventi che sono interamente gestiti dal Genio civile di Trapani. La domanda che oggi, semmai, dovrebbe porsi l’ex sindaco Cristaldi è: perché sulla foce di quel fiume si è creata una contaminazione di natura prettamente biologica? E’ difficile capire che tale inquinamento può avere origine solo dal fatto che su quel corso d’acqua confluiscono e sversano abusivamente scarichi civili e industriali? E chi aveva il dovere di controllare e impedire tale illecita attività? Basta polemiche, dunque, e si prenda finalmente atto che oggi alla Regione c’è un governo che fra mille difficoltà si sforza di dare alla Sicilia risposte a tanti problemi rimasti per anni insoluti. Riconoscerlo non è un reato, ma solo onestà intellettuale“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.