20 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 21.23

L'ex governatore: "Mi chiese consiglio ma era scusa per registrarmi"

Anche Cuffaro contro La Vardera: “Quello che ha fatto è di una gravità assoluta”

15 giugno 2017

Totò Cuffaro

“Ho incontrato Ismaele La Vardera circa un mese prima delle elezioni. Pensavo fosse venuto a parlarmi della sua candidatura e gli ho consigliato di non candidarsi. Era accompagnato da un suo amico. Ora ho capito che mi stavano registrando”. Lo ha detto l’ex governatore regionale Totò Cuffaro, intervistato da Radio Radicale, sul presunto documentario che il candidato a sindaco La Vardera avrebbe voluto realizzare sulle elezioni.

Penso che quello che ha fatto è di una gravità assoluta dal punto di vista etico – ha aggiunto – Non so quello che succederà. Questo si è candidato, tre partiti che hanno dato il loro simbolo, la loro storia. Alcuni palermitani lo hanno votato e adesso scopriamo che stava prendendo tutti in giro. È grave”.

 

“Dopo la prima volta è poi ritornato chiedendomi cosa doveva fare se avesse perso, chi avrebbe dovuto appoggiare. Mi disse che lui pensava a Ferrandelli e che poteva anche fare l’assessore – ha spiegato – Io gli dissi di sostenere, se voleva, Ferrandelli ma di non pensare a fare l’assessore ma piuttosto, se pensava a un futuro politico, di candidarsi alle regionali”.

La Vardera è tornato ieri da Cuffaro per una video intervista e gli ha chiesto se poteva utilizzare anche il registrato precedente. “Io gli ho detto solo – ha concluso Cuffaro – di togliere eventuali parolacce, non ho nulla da nascondere e penso di essere stato uno degli uomini più intercettati d’Italia. Però penso che quello che ha fatto è grave”. 

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...