22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.41

L'editoriale

Arrivederci ai lettori de ilSicilia.it

1 Ottobre 2017

Nella vita è spesso questione di scelte. E queste, a volte, necessitano di comportamenti conseguenziali che le possano tradurre in atti concreti.

Nei giorni scorsi ho firmato, quale sottoscrittore, la lista del “Movimento 5 stelle” per le elezioni regionali 2017 del prossimo 5 novembre, collegata alla candidatura di Giancarlo Cancelleri alla presidenza della Regione Siciliana. L’ho fatto perché credo nella necessità di un cambiamento per la nostra Terra e perché ritengo che il candidato pentastellato sia colui che più di ogni altro possa interpretare questa occasione di svolta.

Personalmente non sono candidato, ma sottoscrivendo la lista è come se lo fossi, perché ho scelto di prendere posizione e di farlo pubblicamente. Per questa ragione, ho deciso di sospendermi, a partire da oggi, da Direttore Responsabile de ilSicilia.it.

Una scelta che ho preso in assoluta libertà, ma che per me rappresenta il tener fede a quei principi etici e deontologici che dovrebbero sempre contraddistinguere la professione di giornalista professionista. Non vi è alcun obbligo in tal senso, ma l’aver preso posizione firmando una lista per le regionali, per me costituisce già di per sé un motivo valido per fare un passo indietro. Ciò al fine di garantire a Voi lettori, sempre e comunque un’informazione corretta e obiettiva su fatti e accadimenti della nostra Sicilia, non tradendo quel principio di correttezza che, a mio parere, deve sempre contraddistinguere un organo d’informazione libero, qual è ilSicilia.it.

Una decisione, che ho condiviso con l’Editore di questa Testata, il quale – è bene precisarlo – non è mai intervenuto “a gamba tesa” per orientare il lavoro giornalistico che ho svolto insieme alle colleghe e ai colleghi della Redazione, che ringrazio uno ad uno per la passione e la professionalità con cui svolgono quotidianamente il compito che ci siamo dati.

Da giornalista e da osservatore degli accadimenti politici e sociali italiani e siciliani sono e sarò sempre non allineato e di parte: dalla parte dei principi e dei valori in cui credo e del rispetto di Voi lettori, che in tutto questo tempo avete dato fiducia a ilSicilia.it, come confermano i dati che mostrano un giornale in costante crescita, non soltanto numerica, ma anche in fatto di credibilità e radicamento nel tessuto sociale siciliano.

Con queste premesse, faccio questo passo indietro, per me doveroso. Da oggi i colleghi e le colleghe della Redazione continueranno senza di me, con la certezza che questa Testata proseguirà nella direzione che tutti insieme ci siamo dati, che è quella di considerare, citando il grande Indro Montanelli, i lettori come i nostri padroni. Sempre e comunque.

Arrivederci a presto.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.