14 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.43

la rubrica della domenica

“Bar Sicilia” con Ernesto Maria Ponte, Bonetta dell’Oglio e Lidia Calà: viva i sapori di casa nostra | VIDEO

28 Luglio 2019

 

Guarda in alto il video della 73ª puntata

Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, va in vacanza e si ferma per tutto il mese di agosto per riprendere poi a settembre. In questa 73ª puntata non abbiamo ospiti politici, sindacalisti, economisti o pubblici funzionari, ma oggi, domenica 28 luglio 2019, vogliamo salutarci con una puntata “leggera”, all’insegna dei sapori della Sicilia, della comicità, del buon umore e del mare.

Una puntata, realizzata al Nautoscopio, uno dei luoghi-simbolo dell’estate palermitana a pochi metri dal porticciolo della Cala, insieme a tre ospiti d’eccezione: Lidia Calà, maestra pasticcera dei Nebrodi, Bonetta dell’Oglio, chef internazionale, ed Ernesto Maria Ponte, attore, impegnato in queste settimane in un tour di spettacoli in tutta la Sicilia.

Ernesto Maria Ponte ci svela la sua passione per la cucina e le abitudini estive domenicali, ma anche storie e costumi di Sicilia: “C’è molta satira e molto teatro legati al cibo, perché quando ci si siede davanti a un menu e lo si sfoglia, a volte si leggono nomi di pietanze che sono le nostre ma alle quali cambiano il nome e già da sole fanno ridere. Un esempio: il “pomodorino soleggiato”. Uno chiede al cameriere, “scusi ma di che si tratta?” e lui ti risponde, “il pomodoro secco”. Io nei miei spettacoli parlo di cibo, ma anche di politica, di sociale. Questa estate sto girando tanto con due spettacoli: poi a settembre metterò in scena una trilogia di miei spettacoli all’Agricantus all’aperto”.

Bonetta dell’Oglio dà alcuni consigli alle nostre lettrici e ai nostri lettori, invitando a selezionare bene le materie prime, siano queste di mare o di terra: “La tematica grano torna sempre e mi piace consigliare una cuccìa estiva, che è una cosa abbastanza insolita. Ovviamente d’estate è d’obbligo cucinare il nostro pesce azzurro e poi abbiamo tante erbe spontanee che arricchiscono i nostri piatti. Inoltre, vi invito assolutamente a rispettare la stagionalità dei nostri prodotti: come ad esempio, le melanzane. Consumatele adesso e non a dicembre”. 

Lidia Calà parla delle peculiarità del territorio nebroideo: “I Nebrodi sono ricchi di biodiversità. Non ci manca nulla, dalla provola, al suino nero, ai dolci, ai primi piatti, alle verdure spontanee. Noi potremmo mangiare sui Nebrodi interamente a chilometro zero. Io mi occupo prevalentemente di dolci, ma conosco le procedure di realizzazione di molti prodotti. Per me tornare a mangiare le cose buone della nostra terra, della nostra tradizione, non è una novità, ma è l’essenza stessa del mio lavoro, della mia vocazione, a partire dalle nocciole e dalle ricette dei nostri nonni, che cerco di riproporre”.

Buona estate con la 73ª puntata di “Bar Sicilia”. GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.