18 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.56
Palermo

Dopo gli arresti dei vertici dell'azienda

Blutec, l’amministratore giudiziario: “Importanti incontri con i vertici FCA”

20 Marzo 2019

Giuseppe Glorioso, amministrazione giudiziario della Blutec, fa un bilancio della prima settimana di attività, dopo la nomina decisa dal Tribunale di Termini Imerese (PA), a seguito degli arresti dei vertici dell’azienda: «Nella prima settimana di lavoro abbiamo avviato le operazioni di “immissione in possesso”, che stanno proseguendo regolarmente. In questi giorni, a tratti frenetici, abbiamo concentrato tutte le nostre energie nel dare continuità alle attività aziendali: abbiamo infatti sul tavolo diversi dossier funzionali alle iniziative presenti e future».

«Sempre nell’ottica di continuità, abbiamo preso parte a importanti incontri con i principali clienti di Blutec, e in particolare, si è proceduto ad una fruttuosa presa di contatto con i vertici di FCA, con l’obiettivo di valorizzare una collaborazione storica e radicata. Sono inoltre in corso i contatti con potenziali investitori. 

Questa amministrazione giudiziaria ha fin da subito cercato di fugare le comprensibili perplessità sorte da parte di operatori economici nazionali e internazionali, rendendosi immediatamente disponibile a ogni forma di collaborazione. Infine abbiamo partecipato a diversi incontri istituzionali, cui seguiranno tavoli tecnici congiunti con le rappresentanze sindacali».

 

LEGGI ANCHE:

Protesta Blutec: alta tensione davanti la Regione

Terremoto su Blutec, arrestati il presidente e l’amministratore delegato

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.