26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28

Mille strutture in più nell'Isola

Boom di bed & breakfast e case vacanza: Federalberghi preoccupata

6 Gennaio 2018

Spopolano i bed & breakfast: una risposta alla domanda crescente di turismo extralberghiero che lo scorso anno ha prodotto 1000 strutture in più in tutta l’Isola, con un primato per la città di Palermo che è passata da 8425 a 10313 posti letto (Fonte Otie).
Si è registrato specialmente un boom di investimenti per realizzare bed & breakfast e case vacanze nel centro storico di Palermo.

E questa situazione genera preoccupazione in FederalberghiUn centro città che rischia di diventare quindi un dormitorio per turisti con un naturale processo di desertificazione quando i turisti non ci sono ma soprattutto del tessuto sociale cittadino”, così Nicola Farruggio vice presidente regionale di Federalberghi commenta quanto sta accadendo in città. “A quanto pare – continua – la gestione di questi appartamenti, alcuni acquistati anche da cittadini stranieri, viene, molto spesso, affidata alle agenzie immobiliari che si occupano della loro commercializzazione nel segmento ricettivo con le relative attività di check in/check out compreso servizi transfert da e per l’aeroporto a fronte di una commissione del 10%. Ottimo! Si parla di “investitori” stranieri – continua – che stranamente concentrano i loro affari in piccole case da ristrutturare per immetterle nel mercato turistico, un trend in crescita anche a Palermo per una città che mi da sempre più sensazione di povertà. Il turismo può cambiare l’economia di questa città – conclude Farruggio – ma i processi vanno governati affinché le tendenze del momento non siano a generare estemporaneità senza futuro“.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.