12 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.23

giovedì 11 luglio

Carceri: Musumeci convoca i rappresentanti di Antigone Sicilia

12 Luglio 2019

pino apprendiSu richiesta di Antigone Sicilia, giovedì 11 luglio, il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci ci ha convocati per discutere delle attuali condizioni delle carceri siciliane“, a dirlo è Pino Apprendi, presidente di Antigone Sicilia.

All’incontro hanno partecipato l’assessore Toto Cordaro che già  in passato si é occupato della situazione carceraria in Sicilia e l’avvocato Francesco Leone, presidente di AGIUS e componente del direttivo Antigone Sicilia.

musumeci“Il Presidente ha condiviso con noi che il momento é davvero difficile, non solo per il sovraffollamento ma perché molte delle strutture sono inadeguate strutturalmente. Abbiamo concentrato le nostre richieste sopratutto alla situazione sanitaria, consegna medicine, accertamenti visite specialistiche, disagio salute mentale e necessità di aumentare le REMS nella nostra Regione” ha aggiunto Apprendi.

Il Presidente ha preso atto delle nostre richieste che formalizzeremo con apposito documento e ci riconvocherà“, conclude Pino Apprendi.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.