12 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.19
Palermo

La denuncia del responsabile regionale Enti locali della Lega

Città dei Ragazzi Palermo, ancora disagi per i piccoli utenti. Gelarda: “Manca un progetto”

7 Luglio 2019

Non c’è pace purtroppo per la città dei ragazzi. Oggi i piccoli fruitori della struttura hanno trovato la sgradevole sorpresa del trenino fermo per mancanza di personale e del Battello fuori uso per un guasto al timone“. A sottolineare il disagio vissuto dai piccoli utenti della città dei ragazzi è Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali della Lega e capogruppo dal Partito di Salvini in consiglio comunale.

La situazione della città dei ragazzi continua a essere disastrosa” dichiara Gelarda.

È vero che si è riusciti ad aprire anche il pomeriggio l’unica struttura dedicata ai bambini gestita dal comune di Palermo. Ma la situazione è estremamente triste. A parte il fatto che per mancanza di personale il trenino non sempre funziona, e che per l’ennesimo guasto il battello non può navigare, non c’è nessuna attività di animazione svolta per i ragazzi. I pochi operatori che ci sono, molti di meno rispetto a prima e con meno ore da svolgere, possono a mala pena aprire e sorvegliare la struttura”, prosegue il consigliere comunale.

È intollerabile – continua il responsabile regionale Enti locali della Lega – che l’unica struttura per bambini del comune di Palermo, in una città che per i bambini offre molto poco, non preveda alcun tipo di animazione o di attività per i piccoli. Per questa ragione il gruppo consiliare della Lega ha chiesto un incontro immediato con l’assessore alle attività sociali, perché vogliamo capire qual è la programmazione del comune su questa struttura. Cosa vogliamo investire per i nostri piccoli. Non basta solo riattivare il trenino e il battello, bisogna rendere questa città dei ragazzi un polo di attrazione per i bambini di tutta la città” conclude Gelarda.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.