19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.34
Palermo

Lo ha annunciato l'assessore Sergio Marino

Comune di Palermo: “Trasformeremo ex Fiera del Mediterraneo in un maxi Centro Congressi” | FOTO

11 Aprile 2018

PALERMO – Ritorna nell’agenda politica del Comune di Palermo il progetto di conversione della Fiera del Mediterraneo in un grande Centro Congressi. Un polo centrale per attività produttive, fiere, conferenze e laboratorio per le giovani start-up.

Ad ufficializzarlo, nel corso del convegno di Fiepet-Confesercenti Palermo tenutosi nell’ambito di ExpoCook, l’assessore alle Attività produttive, Sergio Marino che – spiega la nota di Confesercenti – «ha affrontato anche i temi dei finanziamenti europei per e della formazione per le imprese. Marino ha preannunciato l’intenzione dell’Amministrazione di creare un Centro congressi e un’area per le start up imprenditoriali nei locali della ex Fiera del Mediterraneo».

convegno-fiepet-confesercenti-palermo-marino-attinasi«È un’idea condivisibile – ha sottolineato Mario Attinasi, presidente di Confesercenti Palermo – che può dare una risposta alla mancanza di un centro congressi a Palermo e alla necessità di un orientamento per i giovani che vogliono fare impresa».

Lo studio di fattibilità era inserito nel “piano programma” presentato nel 2013 dal Rotary Club, con gli architetti soci Maurizio Carta e Fausto Provenzano. Il progetto prevedeva un costo stimato di 101 milioni di euro e 4 fasi di lavori: 

  • La prima (costo stimato, 25 mln) prevede la riqualificazione architettonica dei padiglioni 16 e 20 con un design moderno. Il n. 20 avrà una sala plenaria con 3.600 posti a sedere, sale regia, hall, guardaroba, wc e zona catering; il n. 16, invece, sala banchetti per 1.240 coperti. I padiglioni rilevanti sul piano architettonico, saranno mantenuti e destinati a sale stampa, accoglienza, bazar, posti di polizia, agenzie viaggi, agenzia poste e banca, set cinematografici, un parcheggio a raso da 700 posti.
  • La fase 2 (da 3 mln) consiste nella demolizione dei padiglioni vecchi e degradati;
  • la fase 3 è la più costosa (71 mln) e si attuerà se la città si attesterà con successo come polo congressuale forte. Essa prevede la costruzione di un gigantesco Centro Congressi sul modello di Barcellona, con un parcheggio interrato (lato ingresso secondario).
  • L’ultima fase (1,5 mln) è la demolizione dei padiglioni 16 e 20 e la creazione di un parco urbano.

Sfoglia la foto-gallery con i rendering dell’Architetto Provenzano:

Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]
Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]
Piano Preogramma del 2013
Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]
Fiera, rendering nuovo Centro Congressi [Foto D.G.]

Per realizzare il progetto però il Comune (non avendo risorse proprie) pubblicò 5 anni fa un bando internazionale con la formula del project financing. Bando che tuttavia non ottenne successo: nel 2014 arrivarono 4 buste con proposte che però non furono mai accolte. Tra queste, una della cordata di imprenditori siciliani del gruppo Ance, Confindustria e Lega Cooperative.

L’obiettivo dell’Amministrazione era creare con capitali privati: un Centro Congressi di almeno 3 o 4 mila posti «eventualmente suddivisibile in sale di minore capienza»; un hotel di lusso, «pari o superiore a 5 stelle, con al massimo 250 posti letto»; spazi per attività ristorative, commerciali, espositive e di intrattenimento. I padiglioni rilevanti sul piano architettonico saranno mantenuti e destinati a sale stampa, accoglienza, bazar, posti di polizia, agenzie viaggi, set cinematografici, aree parcheggio adeguate e un ampio parco urbano che avrà una «superficie non inferiore al 30% del totale».

Nei prossimi giorni il Comune potrebbe dunque riprovarci, ripubblicando il bando.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.