26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.09

Il commento del presidente Ance Palermo Sanfratello

Crisi aziendali, la normativa non piace agli imprenditori: “Regole troppo severe”

12 Aprile 2019

Il nuovo Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza: questo l’oggetto dell’incontro che si è svolto a Palazzo De Seta, organizzato da PwC TLS Avvocati e Commercialisti e Ance Palermo, in collaborazione con il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Palermo, l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Palermo, Federalberghi Palermo e Confcommercio Palermo.

Si è parlato degli istituti inerenti alle procedure di allerta, la nuova disciplina sugli assetti organizzativi aziendali e la prevenzione dei rischi di impresa, anche alla luce del nuovo articolo 2086 del codice civile, con un’analisi nel dettaglio sulla nuova portata degli obblighi a carico degli organi di governance.

Un passaggio specifico è stato dedicato ai nuovi organismi di composizione della crisi di impresa e alle regole di condotta che gli esponenti aziendali dovranno assumere coadiuvati dai professionisti nominati. Sono stati presi in esame anche gli strumenti di natura concorsuale finalizzati a consentire il superamento delle situazioni di crisi, nonché le principali azioni da poter implementare nell’ottica di massima tutela del going concern aziendale.

Un ampio focus, inoltre, è stato dedicato agli impatti del nuovo Codice sulla corretta regolamentazione dei rapporti tra l’imprenditore ed i creditori qualificati e, più in generale, i terzi interessati e sulle possibili strategie di investimento negli scenari distressed.

Con questa nuova normativa – afferma il Presidente di Ance Palermo Fabio Sanfratello – vengono stabilite regole stringenti che colpiscono le imprese. Da una parte è vero che ci sarà omogeneità di trattamento, circostanza che genera concorrenza leale. Dall’altra, però, vengono fissati rigidi paletti per l’amministrazione di un’azienda. Ad oggi l’80% delle imprese di costruzione sarebbe in stato di insolvenza rispetto alla nuova normativa. 120 di ritardo dei fornitori, 60 giorni di ritardo degli stipendi. Si mettono a dura prova il nostro settore“.

Durante il convegno c’è è stata anche una tavola rotonda per le imprese alla quale hanno partecipato Nicola Farruggio – Presidente Provinciale Federalberghi, l’Avvocatessa Francesca Ottavi della Direzione Opere Pubbliche di ANCE e Michele Cimino Amministratore Unico di Amat Palermo Spa.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.