13 dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 19.52
Parla il coordinatore nazionale dei Centristi per l'Europa

D’Alia: “Non sono candidato alla presidenza della Regione”

19 giugno 2017

Non sono candidato alla presidenza della Regione siciliana, ho finito di frequentare l’asilo da qualche anno e non ho giochetti da fare“. Lo afferma Gianpiero D’Alia, coordinatore nazionale dei Centristi per l’Europa, in un’intervista al quotidiano ‘La Sicilia’, che sgombra il campo su una sua possibile corsa a Palazzo d’Orléans. “Nelle varie interviste e dichiarazioni che Crocetta ha rilasciato in questi giorni – osserva – alimenta l’impressione che io voglia candidarmi. Ribadisco non è così“. “Per le prossime regionali l’unica coalizione possibile, perché vincente e innovativa è quella tra moderati e Pd” – aggiunge l’ex ministro, ricordando il recente successo di Leoluca Orlando: “la lezione di Palermo è che quando moderati e progressisti si mettono insieme su un programma e un candidato credibili si vince perché gli elettori non hanno bisogno di esercitare un voto di protesta“.

Sulla possibile candidatura di Grasso precisa: “Guardiamo con rispetto a ciò che deciderà oggi la direzione regionale del Partito democratico, ma in ogni caso per noi due punti non sono negoziabili: primo, Crocetta non potrà essere il capo di una futura coalizione; secondo sapere se il Pd ha interesse a sostenere lo schema che preveda un’alleanza tra progressisti e moderati. L’attuale presidente del Senato – spiega – sarebbe il candidato adatto per consentire a questa coalizione di fare un salto di qualità e di avviare un reale processo di riqualificazione della classe dirigente regionale“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Lectio Magistralis
Carissimi, Seduto comodamente in poltrona davanti al mio albero di Natale, luccicante oltre modo, ma molto personalizzato tanto da non sembrare asettico con quei fiocchetti
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...