20 ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 20.23
Parla il coordinatore nazionale dei Centristi per l'Europa

D’Alia: “Non sono candidato alla presidenza della Regione”

19 giugno 2017

Non sono candidato alla presidenza della Regione siciliana, ho finito di frequentare l’asilo da qualche anno e non ho giochetti da fare“. Lo afferma Gianpiero D’Alia, coordinatore nazionale dei Centristi per l’Europa, in un’intervista al quotidiano ‘La Sicilia’, che sgombra il campo su una sua possibile corsa a Palazzo d’Orléans. “Nelle varie interviste e dichiarazioni che Crocetta ha rilasciato in questi giorni – osserva – alimenta l’impressione che io voglia candidarmi. Ribadisco non è così“. “Per le prossime regionali l’unica coalizione possibile, perché vincente e innovativa è quella tra moderati e Pd” – aggiunge l’ex ministro, ricordando il recente successo di Leoluca Orlando: “la lezione di Palermo è che quando moderati e progressisti si mettono insieme su un programma e un candidato credibili si vince perché gli elettori non hanno bisogno di esercitare un voto di protesta“.

Sulla possibile candidatura di Grasso precisa: “Guardiamo con rispetto a ciò che deciderà oggi la direzione regionale del Partito democratico, ma in ogni caso per noi due punti non sono negoziabili: primo, Crocetta non potrà essere il capo di una futura coalizione; secondo sapere se il Pd ha interesse a sostenere lo schema che preveda un’alleanza tra progressisti e moderati. L’attuale presidente del Senato – spiega – sarebbe il candidato adatto per consentire a questa coalizione di fare un salto di qualità e di avviare un reale processo di riqualificazione della classe dirigente regionale“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Non mi appassiono
Perché non mi appassiono più alle vicende elettorali? Alla politica? In realtà non ho mai trovato grande trasporto per la materia... in passato mi sono cimentato con successo nelle competizioni, ma anche lì non ho nascosto un certo disagio...
LiberiNobili di Laura Valenti
La medicina è un’arte, non una garanzia
In media, si preferisce andare dal medico per qualunque questione di salute, dall’influenza alla schizofrenia, dalla sclerosi multipla alla sindrome di Tourette. Tuttavia non è una garanzia di cura né è detto che sia la migliore strategia.
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Vecchie e nuove povertà
Un fenomeno che contribuisce notevolmente alla disgregazione sociale e a insinuare un clima di insicurezza, di sfiducia e di rassegnazione.