25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Messina

Il deputato smentisce di essersi proposto

De Luca attacca Salvini: “Io nella Lega? Non è vero, esibisca le prove”

30 Novembre 2017

E’ guerra aperta tra Cateno De Luca ed il leader della Lega, Matteo Salvini. Il numero 1 del Carroccio ribadisce di aver detto “no” alla candidatura nella sua lista, alle recenti Regionali del 5 novembre, del deputato di Sicilia Vera. Ma De Luca non ci sta, smentisce e contrattacca: “Non esiste, non mi sono mai proposto ed anzi attendiamo ancora le scuse da questo imbroglione patentato. Lo ripeto a chiare lettere: non ho chiesto di candidarmi nella Lega e nemmeno in “Noi con Salvini”: Salvini esibisca le prove o vada a….”. “L’onorevole Cateno De Luca da ieri (dopo la proclamazione degli elettri all’Ars che ha confermato la sua elezione, ndr) è resuscitato”, scrive sulla propria pagina Facebook l’ex sindaco di Santa Teresa di Riva e di Fiumedinisi, che a contorno delle sue bordate, ha anche diffuso un video con le dichiarazioni di Salvini che lo riguardano, accompagnando alle immagini proprio l’eloquente slogan: “Salviamoci da un imbroglione patentato”.

In campagna elettoraleha dichiarato invece Salvini – abbiamo detto di no a tanti portatori di voti. De Luca era uno di quelli che si era proposto e a cui abbiamo detto no grazie”. “C’è chi mi ha detto che mettendo in lista alcuni nomi avremmo preso 5 mila o 11 voti, ma abbiamo detto di no e a mio avviso abbiamo fatto bene a dire di no. Possiamo andare in giro a testa alta”, ha aggiunto Salvini.

Anche di recente, all’uscita dall’aula del Tribunale di Messina, quando fu assolto dalle accuse al processo per il cosiddetto “Sacco di Fiumedinisi”, De Luca aveva duramente apostrofato il segretario della Lega definendolo “cafone e ignorante”. “Salvini è venuto ai convegni Fenapi e voleva che io entrassi nella Lega, ora mi ha tacciato di essere impresentabile, rimarca De Luca aggiungendo: “Lo sfido pubblicamente ad un confronto sul tema della buona politica“. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.