22 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.19
Messina

il sindaco di Messina mira anche alla presidenza Anci

De Luca lancia Musolino in Fi alle Europee: “Niente tessera ma c’è feeling con Miccichè”

11 Marzo 2019

“Il patto della pignolata” tra De Luca e Miccichè diventa realtà. Cateno De Luca lancia la corsa alle elezioni Europee con la candidatura in Forza Italia del suo assessore Dafne Musolino e conferma l’asse politico con Gianfranco Miccichè. Il sindaco di Messina punta, dunque, a un seggio per Musolino alle Europee e intanto mette nel mirino anche la presidenza siciliana dell’Anci, attualmente in mano a Leoluca Orlando.

“Il sindaco di Messina e della Città Metropolitana vuole avere un riferimento diretto al Parlamento Europeo – spiega De Luca -. Per questo, di concerto con l’Amministrazione comunale, abbiamo deciso di candidare Dafne Musolino, che sarà espressione di una candidatura del territorio della città Messina e della Provincia messinese. Messina è stata lasciata fuori dagli equilibri e i temi importanti livello europeo. Questo territorio è stato soltanto utilizzato per equilibrare i giochi di Catania e Palermo. Ora rivendichiamo con forza una presenza all’Europarlamento e vogliamo essere protagonisti in uno scenario dove già si sta discutendo la programmazione dei fondi per il periodo 2021-2027, e invece qui siamo ancora fermi al completamento della spesa 2014-16 e alla riprogrammazione delle risorse 2016-2020″.

“La scelta di candidare la nostra proposta, che è Dafne Musolino, in Forza Italia – evidenzia De Luca – è frutto di un ragionamento fatto in Giunta. La scelta su di lei è stata compiuta  per fare di lei la rappresentante di tutta la città e del territorio provinciale. Abbiamo avuto delle interlocuzioni con Gianfranco Miccichè per essere ospitati all’interno di una lista che conseguirà il seggio in questo Collegio. La nostra valutazione è stata definita in Forza Italia perché essa sta ospitando varie sensibilità che non sono collegate a percorsi politici riguardanti Fi stessa. Questa visione pluralista ci ha consentito di poter esprimere una candidatura in piena autonomia. Altri non ci hanno cercato. Il presidente Miccichè invece ha voluto dare la possibilità alla città di Messina di esprimersi e di giocare la sua partita politica. Ci è stato dato un segnale concreto, non avendo io nulla da chiedere personalmente. I segnali positivi li abbiamo avuti da Palermo nella legge di stabilità e arriveranno anche nel collegato, dimostrando un’attenzione nuova e importante per Messina e provincia. Non è una scelta politica, non aderisco io e nemmeno la Musolino in Forza Italia ma loro hanno avuto l’intuito di interloquire con De Luca. Ci faremo questa campagna elettorale con una scelta marcatamente territoriale e identitaria”.

De Luca, infine, fa una rivelazione su quello che potrebbe diventare un ulteriore obiettivo strategico per il futuro: “E anche vero che si è discusso di futuri scenari e di equilibri che nell’ambito siciliano potranno riguardare la presidenza dell’Anci e altri tipi di percorsi. Ora siamo concentrati sul tentativo di ottenere il risultato. Non utilizzeremo le tre preferenze, andremo in modo secco soltanto su Dafne Musolino, anche perché non vogliamo entrare e pesare in certi tipi di faide in questo momento in corso e che riguardano principalmente le candidature maschili”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.