17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.27
Palermo

Sono Annamaria Palma e Carmelo Petralia

Depistaggio Borsellino, dopo 27 anni il colpo di scena: indagati alcuni magistrati

11 Giugno 2019

Non è più a carico di ignoti l’indagine della Procura di Messina sul depistaggio dell’inchiesta sulla Strage di via d’Amelio costata la vita al giudice Paolo Borsellino e degli agenti della scorta.

I pm della città dello Stretto hanno iscritto nel registro degli indagati alcuni magistrati del pool che indagò sull’attentato. Agli indagati e alle persone offese oggi la Procura ha notificato l’esecuzione di accertamenti tecnici irripetibili.

Si tratta di due ex magistrati della procura di Caltanissetta, Annamaria Palma e Carmelo Petralia, che si occuparono della prima inchiesta sulla strage.

Gli accertamenti irripetibili riguardano l’analisi di 19 cassette su cui vennero registrati una serie di interrogatori e che potrebbero essere danneggiate dall’ascolto. Da qui l’esigenza che all’esame partecipino i legali delle persone coinvolte con l’ausilio di consulenti.

Dopo 27 anni da quel tragico 19 luglio 1992, dunque, si apre un nuovo squarcio.

Tra coloro che indagarono sulla strage e che gestirono il falso pentito Vincenzo Scarantino, figurano oltre Carmelo Petralia (procuratore aggiunto a Catania) e Anna Maria Palma (avvocato generale di Palermo), anche Nino Di Matteo (attualmente alla Dna) e Giovanni Tinebra (ormai deceduto).

Solo pochi giorni fa Scarantino ha ritrattato le sue accuse ai pm, facendo un clamoroso dietrofront: “Non furono i pm a orchestrare il depistaggio sulla strage Borsellino, furono solo i poliziotti. Il dottor Di Matteo non mi ha mai suggerito niente, il dottor Carmelo Petralia neppure. Mi hanno convinto i poliziotti a parlare della strage” (LEGGI QUI). 

Intanto, per il depistaggio (accertato con la sentenza Trattativa), sono indagati e sotto processo proprio tre poliziotti a Caltanissetta: Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei.

 

LEGGI ANCHE:

Colpo di scena al processo Borsellino, Scarantino ritratta: “Di Matteo e Petralia non c’entrano col depistaggio”

Depistaggio via D’Amelio: udienza per i 3 poliziotti sotto accusa. Fiammetta Borsellino: “Non hanno agito da soli”

Fiammetta Borsellino fa i nomi: “Ecco i buchi neri di via D’Amelio. Depistaggi avallati dai pm” [VIDEO]

L’urlo di Fiammetta Borsellino: “Basta parate il 19 luglio, il Csm apra indagini su Ayala e altri”

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.