23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42
Palermo

I tagli penalizzano gli atenei del sud

Diritto allo studio e finanziamenti: la protesta degli universitari siciliani

24 Novembre 2017

Gli studenti universitari siciliani aderiscono alla mobilitazione nazionale per il riscatto dell’università pubblica indetta per oggi, 24 novembre.

Sia all’università di Palermo che in quella di Catania sono stati esposti numerosi striscioni per denunciare il definanziamento degli Atenei del Sud, una protesta che continua dal 2008 in tutte le università italiane e che investe anche i ricercatori, i docenti precari, i dottorandi e il personale tecnico-amministrativo.

Secondo quanto denunciato dagli studenti, la progressiva diminuzione degli investimenti statali sta comportando proprio nelle università del Sud un significativo abbassamento del diritto allo studio e, quindi, della qualità della offerta formativa e dei servizi e delle agevolazioni per gli studenti quali borse di studio e alloggi. Processo, questo, che costringe tanti giovani a emigrare dalla propria terra alla ricerca di atenei che offrano più possibilità di accesso, un’ offerta formativa migliore e più chance per un lavoro in linea con gli standard imposti dal mercato.

Occorre portare avanti una politica di rifinanziamento complessivo dell’Università – afferma Gianmarco Codraro, studente della facoltà di Ingegneria e portavoce del Collettivo Universitario Autonomo di Palermo – che consenta a chi è già in servizio di progredire e a noi giovani di godere pienamente del diritto allo studio quindi di accedere liberamente all’università e formarci adeguatamente senza dover emigrare“.

Sempre nel quadro della giornata di mobilitazione nazionale, continua la mobilitazione dell”‘Assemblea degli studenti di Scienze Politiche in lotta” che proprio stamani hanno incontrato il rettore Fabrizio Micari per consegnargli più di 400 firme raccolte in questi giorni al fine di richiedere un servizio mensa. “Ringraziamo il Rettore per aver completato la riapertura del Collegio S.Rocco rendendolo dunque fruibile e anche per l’impegno e la sensibilità, oggi palesati, in relazione all’apertura e all’utilizzo di spazi a disposizione degli studenti” ha afferma lo studente Giorgio Tavella.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.