25 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.23

A Palermo eletto Angelo Pizzuto

Diventerà Bellissima elegge i suoi coordinatori provinciali

18 Febbraio 2019

Diventerà Bellissima, il movimento politico fondato dal Presidente della Regione Nello Musumeci, si ‘rifà il trucco’ in Sicilia. Si

sono svolti nelle nove province dell’isola i congressi di DB, il movimento guidato nell’Isola da Giuseppe Catania. Ad Agrigento l’assemblea provinciale ha eletto coordinatore, per acclamazione, il consigliere comunale Gioacchino Alfano. Eletti anche 50 delegati per il congresso regionale che si svolgerà a Catania il 24 febbraio.

A Catania la coordinatrice è Francesca Catalano. A Palermo è stato eletto coordinatore provinciale, sempre per acclamazione, Angelo Pizzuto. Eletti anche 20 componenti del direttivo provinciale e i 159 delegati che rappresenteranno Diventerà Bellissima Palermo al congresso. Paolo Mattina è stato eletto coordinatore a Caltanissetta. A Messina c’è Giosuè Giardina. A Ragusa Cosmo Giuseppe Alfano. A Trapani Giulia Ferro, mentre a Enna Lorena Pignato. A Siracusa, invece, ecco Carmelo Pisano.

Consegnata la tessera onoraria di Diventerà Bellissima a Giuseppe Piraino, l’imprenditore palermitano che ha detto no al pizzo, filmando e denunciando il suo estorsore.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.