26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28

l'incontro in Conferenza delle Regioni

Economia, Armao: “Nel Def nessuna strategia di sviluppo per la Sicilia”

17 Aprile 2019

“Nel Documento di economia e finanza del governo, all’esame delle commissioni Bilancio di Camera e Senato, al di là delle considerazioni sulle Zes, non c’è traccia di strategie di sviluppo per la Sicilia e il Mezzogiorno: ciò può voler dire, soltanto, che il Governo o considera le sfide di quest’area del Paese ormai risolte oppure, addirittura, irrisolvibili. Al di la’ di queste due alternative, nel documento manca una visione che individui l’obiettivo essenziale del contrasto al divario economico-territoriale, quale leva per la ripresa economica”. Così il vicepresidente della Regione siciliana e assessore all’Economia, Gaetano Armao, a margine di un incontro in Conferenza delle Regioni e dell’audizione tenuta alle commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato.

Analoghe conclusioni vanno poi tratte con riferimento al tema dell’addizionalità dei fondi europei – aggiunge -. Nel Sud, infatti, le risorse europee vengono utilizzate, da tempo, dallo Stato in maniera sostitutiva dei fondi ordinari che esso deve garantire. Il Governo deve dire se vuol cambiare strada nel Documento sulle aree sottoutilizzate, allegato obbligatorio del Def“.

“Del tutto carente risulta, infine, il riferimento alla condizione di insularità di Sicilia, Sardegna e delle isole minori, non cogliendo l’importanza strategica che ricoprono le due grandi regioni insulari nello sviluppo del Sud e i costi dell’insularità per i siciliani e i sardi, in termini di disagio economico, ritardo di sviluppo e svantaggi competitivi'”.

“Il tema dell’insularità – conclude Armaoè ormai centrale nelle politiche di coesione e investe oltre 7 milioni di italiani: l’Italia nell’Europa continentale ha la piu’ alta proporzione di cittadini insulari”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.