25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

dopo la segnalazione dell'ordine degli ingegneri

Edilizia a Palermo, tempi lunghi per le autorizzazioni: Arcuri scrive ai dirigenti | La direttiva

23 Febbraio 2019

La rivoluzione potrebbe nascere da una segnalazione dell’Ordine degli ingegneri di Palermo. L’assessore all’Urbanistica, Emilio Arcuri, infatti, ha inviato una direttiva di “indirizzo politico” agli uffici competenti per accorciare i tempi delle autorizzazioni per le opere di edilizia privata. Sarebbe un grosso aiuto per imprese e cittadini.

Tutto nasce da una lettera inviata al sindaco Leoluca Orlando, da un componente del Consiglio di disciplina dell’Ordine professionale del capoluogo, Gaetano Benanti. Quest’ultimo è rimasto imbrigliato diverse volte tra le maglie della burocrazia comunale. Il Primo cittadino ha girato la questione all’assessore al ramo che ha scritto al Capoarea della Riqualificazione e della Pianificazione urbana, Nicola Di Bartolomeo, al dirigente del Sue (Sportello unico per l’edilizia), Giovanni Carlo Galvano, e all’ufficio Condono edilizio che fa sempre capo a Di Bartolomeo.

Emilio Arcuri

Una “tirata d’orecchie” singolare quella di Arcuri che inviando la direttiva, critica l’operato dei suoi dirigenti.

Il nodo della questione. I tempi per le acquisizioni di  Scia (le segnalazioni certificate di inizio attività) e Sca (le segnalazioni certificate di agibilità) sarebbero troppo lunghi e questo arrecherebbe danni a professionisti e cittadini.

La legge nazionale 122/2010 era nata proprio per riformare il sistema burocratico del settore e fare in modo che la garanzia della veridicità, fosse una responsabilità in capo a chi esegue i lavori. Ma pare che l’interpretazione “lasca” della normativa faccia ingolfare tutte le pratiche.

Il pomo della discordia, però, è che il contenuto della direttiva di Arcuri è di “indirizzo politico”, non può essere diversamente, e in quanto tale in teoria non potrebbe essere accolta d’ufficio dai destinatari.

In ogni caso, la legge prevede che, per la Scia, il tempo massimo per richiedere integrazioni o negare il permesso sia di un mese ma pare che i tecnici comunali eccedano di molto questa tempistica. Da qui la richiesta di Arcuri di accelerare i tempi e di non limitarsi  a dire “no” ma, nell’eventualità, di proporre anche delle soluzioni.

vincenzo di dio presidente ingegneri Pa
Vincenzo Di Dio

L’assessore ha inoltre chiesto che “l’azione degli uffici si conformi al rigoroso rispetto della norma” in modo che gli atti che non rispettano tempi, o che non contengono soluzioni per superare i pareri negativi, “dovranno essere annullati in autotutela”.

Rimane ancora tutta da scoprire la reazione degli uffici competenti alla direttiva di Arcuri. Nel frattempo è  arrivato anche il plauso del presidente dell’Ordini degli ingegneri di Palermo, Vincenzo Di Dio, per la “direttiva Arcuri”.

Di Dio si è detto soddisfatto che la segnalazione dell’ingegnere Gaetano Benanti sia stata accolta in appena due giorni. Ha poi aggiunto che spera nell’applicazione del documento d’indirizzo affinché possano trarne vantaggio sia gli uffici comunali che i privati cittadini.

 

Scarica la direttiva QUA

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.