16 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.29
Palermo

Asfaltati 20 metri di strada, accelerano finalmente i lavori della Tecnis

“Entro fine luglio riapre tutta la via Emerico Amari”, la promessa di Orlando e Arcuri

4 Maggio 2017
Via Emerico Amari (foto F. Raffa)
Via Emerico Amari (foto F. Raffa)

Restituita alla fruibilità pedonale una porzione di via Emerico Amari, tra i civici 57/b e 60/a e via Principe di Scordia, dopo il completamento in questo tratto di strada delle opere per la realizzazione dei lavori di chiusura dell’Anello ferroviario. Ne avevamo dato notizia nei giorni scorsi, anche se si sottolineava come il tratto “liberato” da ruspe e transenne fosso uno spazio di soli 20 metri.

È comunque soddisfatta l’Amministrazione comunale: “È un altro risultato concreto dell’impegno dell’Amministrazione – dichiarano il sindaco Leoluca Orlando ed il vicesindaco ed assessore alla Riqualificazione Urbana, Emilio Arcuri per limitare i disagi legati alla realizzazione di opere strutturali fondamentali per la città come quelle dell’Anello ferroviario. A questo seguirà entro la fine di luglio la restituzione di tutta la via Emerico Amari fino a via Francesco Crispi”.

 

Una previsione forse un po’ azzardata, visto l’andamento lento del cantiere affidato alla catanese Tecnis, recentemente “liberata” dal vincolo dell’amministrazione giudiziaria. Nella strada verso il Porto, all’incrocio con via Francesco Crispi, l’impresa sta avendo notevoli difficoltà con la trivella, che non riesce a perforare la roccia sottostante. I pezzi della trivella si sono rotti più volte, tanto da sembrare inverosimile il rispetto del cronoprogramma.

La liberazione di questo primo tratto di via Emerico Amari segue, nel tempo, la restituzione di altre Aree urbane dove non sono stati ancora effettuati lavori, come piazza Politeama e viale Campania“Un altro importante risultato dell’impegno dell’Amministrazione Comunale – si legge in una nota di Palazzo delle Aquile – è quello dello spostamento della discenderia dei camion dalla via La Masa all’Area portuale. Nei prossimi 15 giorni dovrebbero riprendere l’avvio i lavori di viale Lazio. Nell’Area di via Emerico Amari, oggi restituita alla città, verrà nei prossimi giorni ripristinato il verde con la piantumazione delle Jacarande.

 

Nel frattempo, nei giorni scorsi, il Consiglio Comunale ha approvato il Regolamento per gli sgravi fiscali per tutte le attività commerciali prospettanti sulle strade chiuse per i lavori. “In una città come Palermo – sottolineano Orlando ed Arcuri – con ancora quei deficit strutturali che l’Amministrazione Comunale si è impegnata a risolvere, come per la realizzazione delle opere fognarie, così per gli interventi nel settore della mobilità i disagi inevitabili, sono anche il segno concreto del valore della sfida per il cambiamento”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.