26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28

L'assessore Cordaro assicura un intervento

Erosione delle coste in Sicilia, Mareamico denuncia il fenomeno

25 Dicembre 2017

Una delle più belle spiagge della provincia di Agrigento distrutta dall’erosione costiera.

A denunciare la situazione Mareamico delegazione di Agrigento che ha realizzato un reportage ad  Eraclea Minoa dove il fenomeno dell’erosione ha assunto dimensioni notevoli, provocando un grave arretramento della linea costiera.

“Sono spariti più di 100 metri di spiaggia dorata e almeno 40 metri di bosco. Ogni nuova mareggiata, non trovando alcuna difesa, fa penetrare il mare sempre più profondamente nell’entroterra”, spiegano.

“Da anni esiste un progetto di ripascimento – commentano i volontari di Mareamico –  ma rischia di arrivare quando sarà troppo tardi”.

E proprio del problema dell’erosione delle coste in Sicilia ha parlato pochi giorni fa l’assessore reginale al Territorio e Ambiente Toto Cordaro, a margine di un incontro per lo scambio degli auguri di Natale che Federalberghi ha tenuto a Palermo presso l’Hotel San Paolo Palace di via Messina Marine 91.

“Da Selinunte a Trabia – ha detto l’assessore Cordaro – in cinque anni le coste sono arretrate di trenta metri. L’assessorato al Turismo deve lavorare insieme all’assessorato Beni culturali per affrontare la problematica”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.