15 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.40
Palermo

secondo appuntamento di #aspettandoilfestino2019

Festino di Santa Rosalia: alla Cala la rievocazione dell’arrivo delle Peste | VIDEO e FOTO

8 Maggio 2019

Guarda il video in alto 

Come richiamo dalla terraferma i suoni e i ritmi tipici della Sicilia e sullo sfondo le parole che hanno scritto la storia il 7 maggio 1624: è così che alla Cala di Palermo, per il secondo appuntamento di #aspettandoilfestino2019, calendario di eventi di avvicinamento alle celebrazioni del 14 luglio del Festino di Santa Rosalia, è stato rievocato l’arrivo della peste.

Le note storiche riportate raccontano che il Viceré Emanuele Filiberto, contro il parere generale per cui si sospettava che a bordo covasse la peste, permise l’attracco dell’imbarcazione proveniente da Tunisi, il “vascello della redenzione dei cattivi” ovvero del riscatto dei cristiani prigionieri dei saraceni, “carico come era di mercanzie e ricchi doni a lui inviati dal Re di Tunisi“, e la successiva discesa degli occupanti da cui poi si innescarono migliaia di morti in città.

Simbolicamente, al Molo Sud della Cala, la peste nera è arrivata attraverso le movenze della danzatrice Federica Marullo, portata via mare da un’imbarcazione fino a terra, e accolta dalle letture delle piccole Marta Castiglia e Marialisa Pagano, allieve della Scuola di Teatro “Putia d’Arte Malvina Franco”, e dalle percussioni dei tamburinai della Famiglia Aucello.

Allora come oggi la peste, toccò uomini e donne in città: la coreografia della Marullo, molto emozionate, ha coinvolto il pubblico presente e soprattutto, i tanti turisti di passaggio sorpresi dalla performance del tutto particolare.

A concludere la rievocazione sono state state le testimonianze storiche riportate da don Gaetano Ceravolo, reggente del Santuario di Santa Rosalia a Monte Pellegrino, e Girolamo Mazzola dell’Archivio Storico Comunale di Palermo.

Il prossimo appuntamento in calendario di #aspettandoilfestino si svolgerà il 16 maggio al Museo Internazionale delle Marionette con la giornata di studi “Rosalia e le altre. Simboli del sacro femminile nel culto rosaliano” a cura del professore Ignazio Buttitta.

Guarda la fotogallery sotto

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.