22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.30

Le emergenze di Sicilia

Figuccia: “Nessuno ci può dare diktat e prescrizioni”

12 Dicembre 2017

Oggi, incontrando i giornalisti il neo assessore regionale Vincenzo Figuccia ai rifiuti ha spiegato per grandi linee quali saranno i passi e gli interventi che la Regione  è pronta ad adottare: “L’ipotesi di realizzare un termovalorizzatore a San Filippo del Mela non ha prodotto grandi risultati. Ci sono impianti di compostaggio che dovrebbero partire a breve fermi da troppo tempo. Il vero tema è legato all’organico, perché per la plastica, il vetro e i rifiuti solidi ci sono grandi interessi, mentre per l’umido la questione diventa più complessa”.

Figuccia ha poi chiarito che, in ogni caso, la scelta dei termovalorizzatori, al di là della narrazione, spesso strumentale, che :”qualcuno tende  a fare”, non sono una priorità per Musumeci: “Dobbiamo puntare sulla differenziata, e non a caso oggi ho presentato un progetto con il consorzio Corepla per la formazione nelle scuole, perché diciamolo chiaramente: il problema è politico e di mal governo, ma anche dell’inciviltà delle persone che gettano i rifiuti in strada – continua Figuccia – venendo qui in assessorato ho visto materassi lasciati agli incroci e mobili abbandonati”.

L’assessore ha poi alzato i toni rispetto all’atteggiamento del governo romano nei cofnronti della Sicilia: “Credo che nessuno possa permettersi di dare diktat e prescrizioni al nostro governo, che ha dichiarato di voler essere autorevole. Stiamo avviando un ragionamento ispirato a un principio di leale collaborazione e sulla base del quale pianificheremo gli interventi concordati con il ministero. Ci siamo presi i tempi che ci servono perchè neanche a una cameriera si danno ultimatum di 15 giorni”.

Intanto  sempre più probabile l’invio dei rifiuti all’estero come ha spiegato il consulente per l’impiantistica ed esperto della Regione Domenico Michelon: :“Dobbiamo necessariamente ricorrere a inviare i rifiuti all’estero. Il Dipartimento regionale, diretto da Gaetano Valastro, sta preparando i bandi. Bisognera’ vedere quali regioni saranno disposte ad accogliere i nostri rifiuti I costi restano molto alti. Anni fa, dopo un primo via libera, la Lombardia si oppose. Noi possiamo cercare altri siti ma poi serve un intervento sovranazionale per imporre ad altri Stati di accettarli”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.