24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.29

la polemica

Gelarda vs Miccichè: “Non sarà alla manifestazione della Lega? Non è posto per lui”

7 Dicembre 2018

“Ringrazio il presidente dell’ARS Gianfranco Miccichè, per la sensibilità dimostrata e per averci rassicurato che domani non sarà a Roma alla manifestazione della Lega. Concordiamo, non è posto per lui. Speriamo che da novello Che Guevara, resti a Palermo per occuparsi anche un po’ dei suoi concittadini: quelli che lo hanno, ahinoi, votato e che gli pagano la bella vita che conduce”. Così Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali della Lega, replica alle parole del presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana.

Gelarda prosegue: “Faccia in modo di occuparsi dei fiumi che esondano, delle strade insistenti, dell’aeroporto di Birgi. Del problema del freddo e della fame dei siciliani. Sperando che anche in questo caso non pensi che la soluzione sia portare un paio di mutandine. Salvini ha un difetto enorme, intollerabile per alcuni. Si occupa per primo degli italiani. #liberiamolasicilia”, conclude il post su Facebook.

 

 

LEGGI ANCHE:

Micciché si scaglia contro Salvini: “Lascerebbe morire di fame e di freddo ogni immigrato”

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.