15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31

Il rush finale verso il voto

Grillo chiude a Palermo con Cancelleri e culla il sogno di una Sicilia a 5 stelle

3 Novembre 2017

Beppe Grillo torna a Palermo per chiudere la campagna elettorale di Giancarlo Cancelleri, candidato alla presidenza della Regione in Sicilia nel voto di domenica prossima. Troverà la folla di una Palermo che protesta contro un vecchio sistema di clientele e i carrozzoni della politica che hanno alimentato debito pubblico e contraddizioni, ma anche i curiosi che andranno a Piazza Verdi stasera alle 21 per capire quanto il movimento, che 5 anni fa fece il suo ingresso sulla scena politica siciliana, sia oggi cresciuto e in grado di governare la Sicilia.

Il colpo di reni finale, il sorpasso che l’universo pentastellato conta ancora di potere dare in queste elezioni, è raccolto però non in una singola piazza e neanche tra gli angoli battuti delle assemblee virtuali sul web, che sono stati il tratto caratteristico e predominante di questa campagna elettorale delle regionali 2017. Non sta neanche tra quanti con perplessità hanno guardato alle dichiarazioni dell’hater-assessore Angelo Parisi che ha scambiato la politica con i derby e le polemiche da bar tra antijuventini e resto del mondo.

Chi ha osservato in queste ultime settimane Cancelleri, la sua proposta, i linguaggi di apertura al mondo della burocrazia regionale, ma anche le proposte a favore del mondo delle imprese e dei giovani, ha colto una traccia di diversità, per certi aspetti anche profonda, rispetto a un modo consueto di portare avanti la successione degli argomenti che la politica immagina di potere mettere nel calderone di un’unica grande, indistinta litania.

Basterà questo a convincere i siciliani a svoltare?

Le delusioni, sempre proporzionali alle aspettative, negli anni ’90 e dopo con l’elezione diretta del Presidente della Regione dal 2001, hanno trasformato il rapporto Regione-istituzione e siciliani in una piattaforma poco abile a dialogare e con barriere di fatto che, in termini di comunicazione, spesso non fanno neanche arrivare nelle case della gente, la vera natura dei problemi.

Nell’ultimo sondaggio reso pubblico una decina di giorni fa appariva poco stabile una parte dell’orientamento e dell’intenzione di voto intercettata. Il 61% aveva già deciso definitivamente come voterà, il 23% ancora no, il 16% era in attesa di poter ancora cambiare idea. Un quarto degli elettori piazzati tra gli indecisi. Secondo la rilevazione inoltre l’affluenza sarebbe ferma in maniera stabile, sotto il 50%. Oltre due milioni di siciliani. Sondaggi alla mano dunque i siciliani si preparano alla scelta decisiva in un contesto che potrebbe rivelare grande incertezza fino alla fine.

Grillo e Berlusconi si sono trascinati di spot in spot e di comizio in comizio. La differenza però la faranno gli elettori. Prevarrà il racconto più bello o il più verosimile?

Nell’urna entrano la delusione, la protesta e la speranza. Uscirà però, un risultato, un numero e un nome.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.