21 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.24

Il primo congresso del partito a gennaio

Il movimento de “I Coraggiosi” aderisce a +Europa, Tabacci: “Giovani leadership ed energie fresche per il Paese” | Video

29 Dicembre 2018

Guarda il video in alto

Giovedì 27 dicembre si è riunito il comitato direttivo del movimento I Coraggiosi e dopo un’approfondita analisi della situazione politica attuale e soprattutto in continuità con lo spirito del Movimento, nato dopo le dimissioni di Fabrizio Ferrandelli dall’ARS, I Coraggiosi hanno deciso di aderire alla proposta di +Europa, partecipando attivamente alla campagna congressuale che si concluderà a Milano il 25/26/27 gennaio.

“Ci convince – scrive in una nota il Movimento – l’adesione di +Europa all’Alde (Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa). Questo rende la posizione di +Europa chiara, autonoma, alternativa e concorrente alle formazioni politiche tradizionali e sopratutto ai loro rissosi e ingombranti gruppi dirigenti, con una linea netta di demarcazione sui temi dei diritti, della sostenibilità, dell’equità e del lavoro.

Una formazione nata da sensibilità e storie diverse che si ritrovano su principi ed orizzonti comuni, proprio come quella del nostro Movimento, nei cui codici non possiamo che riconoscerci” concludono I Coraggiosi.

Bruno Tabacci, coofondatore +Europa, ha affermato: “Una buona notizia per +Europa l’adesione de I Coraggiosi di Ferrandelli. Giovani leadership ed energie fresche per il Paese“.

+Europa, dunque, ha fatto una scelta importante ossia quella di iscriversi all’Alde e rendersi autonoma rispetto agli schieramenti tradizionali e questo è esattamente il principio politico de I coraggiosi, un movimento indipendente con forze di centrodestra e centrosinistra che si mettono insieme trasversalmente su temi come l’Europa, i diritti e la sostenibilità. Dentro +Europa c’è la cultura democristiana di Bruno Tabacci, la cultura liberale di Benedetto della Vedova, la cultura dei diritti laici di Emma Bonino, dunque, una forza plurale.

A partire dai prossimi appuntamenti elettorali, che sono le Europee, +Europa sarà concorrente alle altre forze politiche tradizionali e a I coraggiosi è sembrato il modo di spostare il movimento, di cui è leader Fabrizio Ferrandelli, su base regionale a quella nazionale.

Partecipando al primo congresso di questo partito I coraggiosi diventano una parte importante della trasformazione di +Europa sicuramente in Sicilia ma anche in Italia. Un salto di qualità notevole che non fa perdere la propria identità di partito ma diventando il movimento de  I Coraggiosi il riferimento di +Europa in Sicilia, portando nei tavoli nazionali i temi del Sud. In questo modo, all’interno di una cornice europea si fa sentire, dunque, forte la voce di un Sud mortificato, facendo diventare la voce siciliana una voce nazionale.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.