23 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.06

faccia a faccia a Roma

Il sindaco di Messina incontra Tajani: “Occorrono strategie per le infrastrutture al Sud”

28 Marzo 2019

Faccia a faccia oggi 28 marzo a Roma, al Grand Hotel Ambasciatori Palace, tra il sindaco di Messina, Cateno De Luca, e il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani. Il primo cittadino della Città dello Stretto si pone come obiettivo “una nuova stagione politica ed economica per la Città di Messina, che può e deve tornare protagonista in Italia e in Europa”.

“L’incontro con il presidente Tajani – ha detto De Luca – è stato un momento di confronto su strategie di accelerazione delle spesa per le infrastrutture nel Sud”.

Messina e i messinesi vogliono tornare ad avere un ruolo di centralità nelle politiche per la Sicilia e per il Sud, e da qui nasce la nostra candidatura di Dafne Musolino (in Forza Italia) alle Elezioni Europee, che sosterremo con determinazione e che siamo convinti potrà conseguire un risultato molto importante e potrà darci un collegamento operativo con Bruxelles”.

De Luca punta, dunque, punta sulla partita politica delle imminenti Elezioni Europee e non a caso ha detto di voler impostare la campagna elettorale delle prossime settimane sugli slogan “più Sud in Europa” e “Messina in Europa”, aggiungendo: “Sogno una Sicilia più scollegata con lo Stato e più collegata con l’Europa”. 

Nel corso della sua giornata romana, De Luca, si è anche recato al consiglio nazionale Udc. “Ho portato la testimonianza di un sindaco di frontiera che chiede alla politica che conta meno autoreferenzialità e più fatti”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.