16 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 12.33
Messina L'Opinione

In attesa dell’Assemblea PD: questo Paese ha più bisogno di partiti che di leader

17 dicembre 2016

Ospitiamo la riflessione del portavoce e vicepresidente di CapitaleMessina, Gianfranco Salmeri, sull’attuale situazione del Pd, tra congressi ed assemblee.

image1“Inevitabilmente gli occhi degli osservatori politici sono puntati sulla riunione di domenica del parlamentino del Partito Democratico. Ma perché è importante fare attenzione a ciò che succederà domani? Perché sicuramente sarà un momento fondamentale (non “storico”, non esageriamo! Ben altri sono stati i momenti storici della politica italiana) della prospettiva politica dei prossimi anni.

L’Assemblea Nazionale del PD chiarirà, infatti, quale sarà la scelta strategica del gruppo dirigente che fa capo a Matteo Renzi di fronte alle due opzioni in campo e cioè se scegliere di ricostruire il Partito avviando una stagione congressuale, che non sia una “resa dei conti, ripartendo dalle periferie, dai circoli, cercando di ricucire la frattura che si è creata tra il partito e la società civile, enfatizzata dalla sconfitta al referendum, ma già evidente da tempo; oppure se decidere di accelerare, cortocircuitare il percorso prima descritto ed andare direttamente alla selezione del leader mediante il meccanismo delle primarie. In pratica si tratta di scegliere qual’è la priorità: se ricostruire un partito o riaffermare una leadership.

E questa scelta ritengo che non riguardi solo i destini personali dei dirigenti del Partito Democratico o debba appassionare esclusivamente i militanti di quel Partito, per le seguenti ragioni: non credo inutile ribadire che un sistema democratico sano ed efficiente necessita della presenza di partiti forti ed autorevoli, che possano esprimere le spinte dialettiche della società che rappresentano.Dal confronto tra i partiti, preferibilmente in un sistema bipolare, si articola un sistema politico coerente ed efficiente.

Per questo e non altro è auspicabile che vi sia in Italia un Partito Democratico forte e strutturato, così come è auspicabile che nel campo del centrodestra si formi un soggetto politico forte ed autorevole, depurato dalle scorie estremiste e nazionaliste. Solo così avremo, ma non sono io il primo a dirlo, un sistema democratico moderno, e solo così ci sarà la speranza di poter neutralizzare la minaccia populista e qualunquista dell’estrema destra e dei grillini. Per quanto sopra detto ci auguriamo che l’assise del PD determini un percorso sano di ricostruzione del partito, perché questo paese ha bisogno innanzitutto di partiti forti che esprimono leader autorevoli, non di leader forti espressione di partiti non autorevoli.

Staremo a vedere se domenica, parafrasando il poeta “si parrà la nobilitate” di Renzi e dei suoi.

Gianfranco Salmeri, portavoce di www.capitalemessina.it

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...