19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.37
Palermo

L'esposizione nell'ambito del festival delle letterature migranti

In mostra all’Arsenale “Touroperator” di Massimo Sansavini: diario di vite dal mare di Sicilia [Gallery]

3 Ottobre 2017
'
'
'
'
'
'
'

Dal 4 al 12 ottobre il Festival delle Letterature Migranti ospiterà la mostra itinerante Touroperator che attraverso le opere di Massimo Sansavini, realizzate con il legno degli scafi delle barche dei migranti,racconta il dramma delle migrazioni del XXI secolo.

Sansavini è l’unico artista ad aver ottenuto l’autorizzazione dal Tribunale di Agrigento ad accedere al cimitero delle barche di Lampedusa, nell’ex-base americana Loran: qui accanto agli scafi, ormai abbandonati, sono rimasti molti degli oggetti personali che hanno accompagnato i viaggi della speranza attraverso il Mediterraneo. Il legno prelevato dalle imbarcazioni abbandonate è stato trasformato dall’artista in sculture che raccontano i singoli naufragi. A ricordarceli è il titolo dell’opera: la data in cui è avvenuto.

La mostra, curata da Daniela Brignone, ha ottenuto il patrocinio di Amnesty International con la seguente motivazione: “Ciò che resta dei naufragi e degli arrivi a Lampedusa, grazie all’interpretazione e alla trasformazione artistica, diventa in “Tour Operator” un potente strumento simbolico. Oggetti che rappresentano vite, per ricordarci, sempre, che dietro i numeri che sentiamo ovunque ogni giorno ci sono storie, speranze, persone”.

Circa 30 opere realizzate con il legno degli scafi dei migranti saranno esposte presso l’Arsenale Borbonico di Palermo, gestito dalla Sovrintendenza del Mare, Regione Sicilia. Esse saranno affiancate da fotografie scattate presso la stessa base, oltre a video e pannelli informativi. Saranno esposti, altresì, timoni, salvagente, suppellettili e oggetti personali reperiti negli scafi.

Il progetto nasce per raccontare le migrazioni, come progetto didattico per le scuole sul tema, per tessere relazioni con i migranti di seconda generazione.

La mostra è stata già ospitata presso i Musei San Domenico di Forlì, il Parlamento Europeo di Bruxelles e l’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna.

 

Massimo Sansavini è un artista forlivese. Ha all’attivo mostre in molti musei, in Italia e all’estero, tra cui il Museo Nazionale di Belle Arti a Rio de Janeiro, il MU.B.E di San Paolo, il Namoc in Cina, e poi in Germania ed in Finlandia, con i patrocini del Presidente della Repubblica, del Governo Italiano, oltre che del Mibact.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.