11 dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 21.06
Palermo Ferma la posizione dei Vescovi

La Cei: niente funerali pubblici in chiesa per Totò Riina

17 novembre 2017

Nessun funerale pubblico in chiesa per Totò Riina. Lo ha detto oggi la Cei (la Conferenza Episcopale Italiana), che tramite il suo portavoce don Ivan Maffeis ha dichiarato all’agenzia ANSA che “E’ impensabile per un criminale che si è macchiato di delitti per i quali, come ha detto Papa Francesco, c’è la scomunica”.

“La Chiesa non si sostituisce al giudizio di Dio – ha proseguito don Maffeis  – ma non possiamo confondere le coscienze“. Monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale, la diocesi nella quale si trova Corleone, ha detto: “Trattandosi di un pubblico peccatore non si potranno fare funerali pubblici. Ove i familiari lo chiedessero si valuterà di fare una preghiera privata al cimitero”. Non risulta che sino a questo momento la famiglia di Totò Riina la abbia chiesta.

“E’ un segno – ha detto Maffeis – che calpesterebbe la memoria delle vittime, di tutte le persone uccise, penso a Falcone, Borsellino, Livatino, ma anche i tanti preti uccisi, come don Puglisi, i magistrati, le forze dell’ordine. Un funerale pubblico – ha concluso don Maffeis – sarebbe un segno che va nella direzione opposta del compito della Chiesa, che è quello di educare la coscienza e contrastare la mentalità criminale“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Lectio Magistralis
Carissimi, Seduto comodamente in poltrona davanti al mio albero di Natale, luccicante oltre modo, ma molto personalizzato tanto da non sembrare asettico con quei fiocchetti
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...