20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.58

La candidatura

La giostra di Vittoria Casa dal Pd ai 5stelle passando per una giunta con Udc e finiani

30 Gennaio 2018

Giri. Spesso interminabili. Che solo a volte, non sempre però, fanno rumore. E la differenza nelle scelte. La politica ha le sue regole. Qualche volte private.

Nell’universo delle candidature alle Politiche dei 5stelle  spicca per curiosità e varietà eterogenea la storia di Vittoria Casa (candidata pentastellata nell’uninominale di Bagheria) che vanta un passato di assessore alle Politiche sociali in una giunta variopinta con all’interno i Dem e spruzzate di centrodestra (c’erano l’Udc, i finiani di Futuro e Libertà e parte del Pd) guidata all’epoca da Vincenzo Lo Meo. Aveva fatto in tempo ad assistere a una profonda spaccatura all’interno del Partito democratico, da cui origina la sua storica provenienza.

Nel 2012 si dimette dalla giunta a causa di una legge regionale che prevedeva l’incompatibilità tra consiglieri e assessori per parentele sino al secondo grado (era cognata del consigliere di Democratici x Bagheria – in pratica anch’egli Pd – Antonio Chiello, avendone quest’ultimo sposato la sorella).

Vittoria Casa è stata nel 2008 Segretaria del PD di Bagheria, diventando di fatto la prima dirigente del partito a livello locale. Il regolamento dell’Associazione Rousseau prevede che tra i requisiti il candidato per il plurinominale o per l’uninominale “non dovrà aver mai partecipato a elezioni di qualsiasi livello, né aver svolto un mandato elettorale o ricoperto ruoli di amministratore e/o componente di giunta o governo, con forze politiche diverse dal Movimento 5 Stelle a far data dal 4 ottobre 2009″.

Ma a Bagheria quello degli ex Pd folgorati sulla via grillina è una pratica abbastanza diffusa, visto che fra gli assessori del sindaco 5 Stelle Patrizio Cinque figura, fra gli altri, Maria Laura Maggiore, con delega al bilancio, che nel 2011 era segretaria cittadina del Partito Democratico. E proprio in quello stesso anno, l’allora segretaria Pd  oggi assessora grillina sponsorizzava la candidatura a sindaco per il Pd proprio di Vittoria Casa. Candidatura, poi sfumata a causa di contrasti interni ai Dem. Insomma, coincidenze un po’ troppo coincidenti…

Peraltro, secondo le regole decise dal M5s per le candidature 2018, è il capo politico Di Maio a esercitare potere discrezionale sui nomi in lista nei collegi uninominali.  Regole, che, evidentemente, valgono come i titoli nobiliari nell’Italia repubblicana.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.