13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.33

delibera approvata su proposta dell'assessore Armao

L’Assessorato regionale dell’Economia sblocca autorizzazioni di spesa per oltre 114 milioni di euro

14 Agosto 2019

L’Assessorato regionale dell’Economia ha sbloccato le autorizzazioni di spesa per oltre 114 milioni di euro.

Con decreto del Ragioniere generale Giovanni Bologna – si legge in una nota – adottato in attuazione della delibera di Giunta regionale, approvata su proposta dell’Assessore per l’Economia, Gaetano Armao, sono stati resi disponili gran parte degli stanziamenti che la legge di bilancio (L.r. 1 del 2019) aveva cautelativamente congelato per esigenze finanziarie, delibera sulla quale ha dato il proprio parere favorevole anche la Commissione bilancio dell’Ars.

Le ingenti risorse, che sbloccano la spesa in importanti settori, si sono rese disponili dopo la conclusione dell’accordo tra il Governo regionale e quello statale del maggio scorso, in esito al lungo negoziato condotto dall’Assessorato, ed a seguito del ricalcolo del ripianamento del disavanzo ereditato dalla precedente legislatura, misure ampiamente condivise dall’Assemblea regionale  – riporta la nota.

Il Governo Musumeci ha così rispettato l’impegno di reperire gran parte delle risorse necessarie, assunto in occasione dell’approvazione del bilancio avvenuta nel febbraio scorso, dopo un solo mese di esercizio provvisorio – si legge ancora nella nota.

La ripartizione delle ingenti risorse liberate, una significativa boccata d’ossigeno per importanti rami di amministrazione, ha dovuto tenere conto” – rileva l’assessore e vicepresidente della Regione Gaetano Armao – “dei criteri dettati dal Parlamento siciliano con l’articolo 12, comma 2 quater, della legge regionale 19 luglio 2019, n. 13 che hanno introdotto un preciso ordine di priorità” (spese connesse ad obbligazioni giuridicamente vincolanti, ad attività di programmazione annuale di enti ed istituzioni, ad altre voci residue).

I vincoli normativi – continua Armao – hanno così imposto al Governo regionale, effettuata la ricognizione tra i Dipartimenti interessati, una scelta obbligata, quella di corrispondere risorse finanziarie soltanto alla prima categoria di spese, non consentendo di disporre il ripristino delle autorizzazioni di spesa in settori ove, invero, appariva più urgente l’utilizzo della spesa stessa (basti pensare allo sport, ai teatri, ed alle attività produttive)”.

Per la restante parte degli stanziamenti (corrispondenti a circa 27 milioni di euro, le somme congelate in bilancio ammontavano infatti a 141 milioni €) si dovrà attendere l’assestamento di bilancio che potrà essere esaminato dopo la parifica del rendiconto generale 2018 da parte della Corte dei conti, che si prevede per ottobre prossimo, rendiconto che per la prima volta opera un’estesa risistemazione di partite contabili nella prospettiva della trasparenza e del riequilibrio dei conti regionali.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.