16 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 12.33
Dopo le critiche all'eolico

Legambiente vs Sgarbi: “Un errore scagliarsi contro le energie rinnovabili”

14 novembre 2017

“Sgarbi potrà probabilmente innovare i Beni culturali in Sicilia, ma commette un grave errore a scagliarsi contro le energie rinnovabili. Sono anche loro il futuro della Sicilia e noi di Legambiente che le sosteniamo decisamente non siamo una cosca mafiosa!” Lo ha dichiarato Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia.

“Sono certo che se Vittorio Sgarbi sarà scelto dal presidente Musumeci come nuovo Assessore regionale ai Beni culturali farà bene, portando sicuramente uno scossone in un settore mummificato e paralizzato da cinque anni di abbandono e disattenzione della politica siciliana. Ma Sgarbi – ha proseguito Zanna – deve comprendere e rendersi conto che il futuro della Sicilia passa decisivamente anche dallo sviluppo e dall’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili, che fanno sempre meno danno delle trivelle petrolifere, sia dal punto di vista della sostenibilità che da quello paesaggistico”.

Il presidente di Legambiente Sicilia ha poi aggiunto “Bisogna tenere alta l’attenzione e la vigilanza affinché la mafia non si infiltri negli appalti e faccia affari sulle risorse naturali e culturali della nostra regione, ma questo è compito soprattutto delle forze dell’ordine e della magistratura. A noi il ruolo di lavorare e proporre delle soluzioni innovative e sostenibili per il futuro di questa nostra martoriata terra e del pianeta”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...