18 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 16.10

L’infanzia violata del Paranoide: genitori non adeguatamente sintonizzati e regolati emotivamente

8 febbraio 2018

Un disturbo riferibile solo agli adulti, si presenta solo in età matura? Certo che no. Quando i bambini stanno male, vengono percepiti come ineducati, sbilanciati, ingestibili, depressi, troppo timidi. Non sono altro che lo specchio dell’ambiente di riferimento, costituito prevalentemente dalla madre e dal padre, quando riescono a donarsi incondizionatamente e nel modo più sintonizzato possibile ai pargoli così bisognosi di attenzioni e cure, perché ancora allievi educandi.

Ho sentito una trasmissione sul web in cui si discuteva a sfavore. Parlavano persone con competenze discutibili che si definiscono “colleghi”. Sostenevano che i disturbi di personalità hanno esordio in età adulta. Intanto i disturbi che hanno gli adulti si ripercuotono sui bambini.

I paranoici sono caratterizzati da un’infanzia violata da genitori non adeguatamente sintonizzati e regolati emotivamente. Questi soggetti hanno fatto esperienza di un care giver seduttivo o manipolatorio e di conseguenza sono sempre ipervigili per il timore di essere sfruttati nuovamente, soprattutto, nell’intimità e nella relazione di coppia. La freddezza nelle cure in età infantile può aver creato un’attenzione maggiore alla forma più che alla sostanza, alla razionalità più che all’emotività. L’insicurezza ontologica e antologica del paranoico si riferisce a una questione irrisolta di attaccamento con la figura di riferimento più importante per loro, con cui è mancata una sana corrispondenza e vicinanza.

Per paura di essere attaccati rispondono “prevenutamente” agendo in modo aggressivo.

La proiezione dei propri vissuti emotivi o ideativi sugli altri è il meccanismo di difesa con cui tentano di difendersi dall’ansia, dall’angoscia e dal timore che provano (Luca Balugani).

Questo li costringe a stare sempre in una posizione di difesa/attacco. Sembrano apparentemente sicuri di sé, arroganti, presuntuosi, ma nascondono una grande sofferenza implosa. Oscillano tra un senso di grandiosità e un senso di svalutazione del sé. Per arrivare a proiettare fuori da se stessi tutto ciò che è doloroso, indice di debolezza, cattivo, pensate a quanto siano tormentati (e tormentino). Come nella sclerosi multipla, è come se non riconoscessero parti di se stessi e provassero, con tutte le forze, a distruggerle, utilizzando l’identificazione proiettiva, altro meccanismo difensivo che esprime non solo rabbia, ma mancanza di serenità. È bello e sano, invece, riconoscersi nei propri pregi e difetti, perché è proprio guardando a essi con la dovuta razionalità che si può agire la variazione armonica della propria personalità, delle proprie relazioni, del proprio essere nel mondo.

Il genitore li ha sadicamente e inconsapevolmente (per egotismo) incoraggiati a esprimere la rabbia o hanno provocato e promosso questo sentimento fino all’esasperazione. Le cause della paranoia sono rintracciabili nella mancata fiducia di base: il bambino si sente non creduto o accusato ingiustamente dai propri genitori, da cui lui pende e dipende per struttura di personalità, in modo esagerato. Il genitore ha ostacolato lo sviluppo di questo sentimento di sicurezza e rassicurazione che proviene proprio dal modo in cui i generanti fungono da buoni contenitori dell’aggressività infantile e aiutano a tollerare l’ambivalenza e le frustrazioni.

Infausta la sensazione di non essere creduti. Il bambino paranoide è continuamente bersaglio di accuse e offese da parte dei genitori, vive tormentato dall’ossessione di dimostrare la propria innocenza. Questo attiva un processo che sgretola la possibilità di creare relazioni intime sane e governate da una profonda stima e fiducia. Quei pochi episodi di intimità possono essere subito stravolti, riportandolo a una condizione di osticità inflessibile, perché inclemente è la lente di lettura del paranoico. Presto o tardi, trova conferma nella realtà del fatto che non si può fidare di nessuno e può contare solo su se stesso.

Così anche l’affetto viene negato e proiettato nell’altro come non proprio, doloroso, inopportuno e da distruggere. Certo, non hanno potuto negare e demolire i sentimenti nutriti nei confronti dei genitori: né quelli positivi né quelli negativi. È più facile attaccare un innocente piuttosto che un colpevole, la cui reazione, poi, si paga cara. È meno doloroso, ma non è Pic Indolor!

Com’è possibile che l’essere umano, più lo tratti male e più si attacca?

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...