21 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.44
Palermo

Da Campofelice di Roccella per rappresentare i colori azzurri

Lotta, il sogno europeo del siciliano Salvatore Polito

17 Giugno 2019

Dal piccolo centro di Campofelice di Roccella, in provincia di Palermo, al campionato europeo under 17. È iniziata lunedì scorso l’avventura di Salvatore Polito, convocato dalla nazionale italiana a Faenza dal 17 al 23 giugno. Il giovane atleta imerese vestirà la maglia azzurra nella più importante competizione continentale e cercherà di scalare la classifica con l’ obbiettivo di arrivare in zona medaglia.

Gli incontri della sua categoria, i 110 chilogrammi, si disputeranno il 21 e il 22. Salvatore è già in raduno nazionale a Faenza da lunedì scorso per perfezionare la preparazione insieme ai tecnici e ai compagni di nazionale. Questa convocazione non è di certo casuale visto che Salvatore quest’anno ha vinto il titolo italiano under 17 surclassando tutti gli avversari per superiorità tecnica, abbondantemente sotto il minuto, e mostrando un bagaglio tecnico non indifferente.

Sempre quest’anno ha conquistato la medaglia d’argento ai campionati italiani juniores under 21, a soli 16 anni. Risultati che di certo non potevano lasciare indifferenti i vertici nazionali. Insieme a Salvatore Polito sono partiti anche altri due atleti termitani, anche loro titolari delle proprie categorie: Paolo Lumia e Noemi D’angelo.

L’organizzazione dei campionati europei è stata affidata al Faenza lotta (club atletico 1919 ), una delle società più antiche e blasonate d’Italia. La manifestazione si svolgerà al PalaCattani e vedrà la partecipazione di oltre 500 atleti provenienti da 37 nazioni. La voce che commenterà questi questi campionati europei sarà quella del grande Maurizio Casarola, giornalista e lottatore, che parlerà, racconterà e scriverà le gesta di questi straordinari atleti.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.