25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

Respinto il ricorso dell'Italia

L’Ue boccia la Sicilia: in fumo 380 milioni di fondi strutturali

25 Gennaio 2018

Piove sul bagnato. Sulla spesa europea la Regione accusa un duro colpo. Il Tribunale dell’Unione europea ha infatti respinto il ricorso relativo al taglio dei fondi .

Il primo effetto concreto in questo caso è la perdita delle risorse. L’ultima parola arrivata infatti conferma la sforbiciata che sfiora i 400 milioni di euro (380 in dettaglio).

Ad essere contestate sono le irregolarità spesa, ritenute troppe, all’interno delle varie fasi di certificazione e rendicontazione. Il Tribunale dell’Unione europea ha rigettato integralmente il ricorso dell’Italia contro la decisione della Commissione Ue di tagliare di quasi 380 milioni su 1,2 miliardi di fondi strutturali destinati per il periodo 2000-2006. I giudici del Lussemburgo hanno osservato come sia innegabile l’esistenza di errori nella spesa, imputabili a insufficienze nei sistemi di gestione e di controllo del Piano operativo regionale (POR) Sicilia, che si sono manifestati nel corso di diversi esercizi finanziari e ai quali non è stato posto del tutto rimedio fino alla fine della programmazione.

La tegola arriva sul nuovo esecutivo regionale proprio alla vigilia della verifica che Musumeci intende portare avanti sulla burocrazia regionale e sui suoi vertici. Proprio per il Dipartimento di Piazza Sturzo si fa il nome di un esterno, Roberto Sanfilippo, che il governatore siciliano pensa di mettere alla testa della struttura strategica di spesa dei fondi europei.

La programmazione 2014-2020, tra l’alto accusa al momento una fase intermittente e interlocutoria con il nuovo esecutivo che dovrà prounciarsi anche nel merito di una possibile ed  eventuale rimodulazione dei fondi europei.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.