18 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 16.10

Respinto il ricorso dell'Italia

L’Ue boccia la Sicilia: in fumo 380 milioni di fondi strutturali

25 gennaio 2018

Piove sul bagnato. Sulla spesa europea la Regione accusa un duro colpo. Il Tribunale dell’Unione europea ha infatti respinto il ricorso relativo al taglio dei fondi .

Il primo effetto concreto in questo caso è la perdita delle risorse. L’ultima parola arrivata infatti conferma la sforbiciata che sfiora i 400 milioni di euro (380 in dettaglio).

Ad essere contestate sono le irregolarità spesa, ritenute troppe, all’interno delle varie fasi di certificazione e rendicontazione. Il Tribunale dell’Unione europea ha rigettato integralmente il ricorso dell’Italia contro la decisione della Commissione Ue di tagliare di quasi 380 milioni su 1,2 miliardi di fondi strutturali destinati per il periodo 2000-2006. I giudici del Lussemburgo hanno osservato come sia innegabile l’esistenza di errori nella spesa, imputabili a insufficienze nei sistemi di gestione e di controllo del Piano operativo regionale (POR) Sicilia, che si sono manifestati nel corso di diversi esercizi finanziari e ai quali non è stato posto del tutto rimedio fino alla fine della programmazione.

La tegola arriva sul nuovo esecutivo regionale proprio alla vigilia della verifica che Musumeci intende portare avanti sulla burocrazia regionale e sui suoi vertici. Proprio per il Dipartimento di Piazza Sturzo si fa il nome di un esterno, Roberto Sanfilippo, che il governatore siciliano pensa di mettere alla testa della struttura strategica di spesa dei fondi europei.

La programmazione 2014-2020, tra l’alto accusa al momento una fase intermittente e interlocutoria con il nuovo esecutivo che dovrà prounciarsi anche nel merito di una possibile ed  eventuale rimodulazione dei fondi europei.

 

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...