11 dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 21.06
Palermo Dalle 10 alle 17

“Magione We – La scuola che diventa piazza”: domenica la festa conclusiva

18 novembre 2017

Il progetto “Magione We – La scuola che diventa piazza” si concluderà domenica 19 novembre, a partire dalle 10 e alle 17, con U’Game, gioco a squadre che coinvolgerà l’intero quartiere della Kalsa, e con  l’inaugurazione della scultura di Igor Scalisi Palminteri nel cortile della Scuola Ferrara.

Quest’ultima rimarrà aperta al pubblico per accogliere grandi e bambini e dare il via al grande gioco a squadre pensato per le famiglie e gruppi di amici, che prevede tante prove da superare. Il gioco è gestito dalla start up palermitana che progetta e realizza format di gioco tematici volti a costruire esperienze di fruizione ludica del patrimonio storico-artistico-culturale-ambientale.

L’iscrizione è gratuita www.ugame.it; in palio tantissimi premi, compresi pranzi e cene.

Mentre i giocatori saranno impegnati con le prove da superare, nel giardino e nel cortile della Scuola Ferrara si alterneranno gli artisti che hanno accompagnato il progetto in questi mesi e nuove voci che si aggiungono ad arricchire il programma. Prima fra tutti Jerusa Barros con le sue musiche dal mondo, a seguire gli acrobati e giocolieri di Circ’opificio e Circ’all,  e poi la performance itinerante con marionette del gruppo Storie in transito su L’Epopea di Gilgamesh, le Letture da Nonno Albero con Maria Romana Tetamo e le narrazioni di Alberto Nicolino che intreccia fiabe popolari e storie del quartiere.

Alle 14 si svolgerà il pranzo collettivo mentre alle 16 sarà inaugurata la scultura realizzata con gli oggetti del cuore donati nel corso delle settimane dai bambini e dagli abitanti della Kalsa, assemblati dall’artista Igor Scalisi Palminteri.

MAGIONE WE è un programma ideato da CLAC in collaborazione con l’Istituto comprensivo Amari-Roncalli-Ferrara di Piazza Magione e  realizzato con il sostegno di MIBACT e MIUR.

Pensiamo che aprire gli spazi e creare occasioni libere e gratuite di partecipazione culturale sia lo strumento più importante per educare grandi e piccoli alla cittadinanza attiva, al rispetto degli spazi collettivi, al piacere del fare arte insieme – afferma Cristina Alga – project manager e co-founder dell’associazione CLAC che ha curato il progetto.

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Lectio Magistralis
Carissimi, Seduto comodamente in poltrona davanti al mio albero di Natale, luccicante oltre modo, ma molto personalizzato tanto da non sembrare asettico con quei fiocchetti
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...