15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.01

la rubrica della domenica

Milazzo (Forza Italia) a “Bar Sicilia”: “Ora un nuovo assessore al Bilancio. Con Salvini? Dialoghiamo” | VIDEO

23 Giugno 2019

 

Guarda in alto il video della 68ª puntata

Per la 68ª puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 23 giugno 2019, è nostro ospite Giuseppe Milazzo, capogruppo di Forza Italia all’Assemblea regionale siciliana e neoeletto al parlamento di Strasburgo alle recenti europee del 26 maggio. 

Milazzo afferma che la sua vittoria alle europee è un segnale chiaro di un partito che ha fatto una scelta: “Bisogna accettare il risultato elettorale e accettare di restare in un partito in cui si rispettano le regole. Se vuoi stare in Forza Italia devi accettarne le regole e accettare il risultato che ha visto vincere la linea politica, che è di Miccichè ma anche dell’intera classe dirigente siciliana, fra cui tutto il gruppo parlamentare all’Ars che ha sostenuto la mia candidatura. Il 17 per cento ottenuto è frutto del lavoro di Gianfranco Miccichè e gli va riconosciuto”.

Non usa mezzi termini, poi, spiegando la bagarre della scorsa settimana all’Ars, quando ha attaccato in Aula il proprio collega di partito e vicepresidente della Regione Gaetano Armao: “Armao ha avuto un’opportunità. Forza Italia lo ha voluto assessore al Bilancio e vicepresidente della Regione, ma per quanto mi riguarda se la è bruciata. E’ un assessore fallimentare, perchè non ha portato un solo risultato concreto per la Sicilia. Se noi dicessimo che tutto va bene diremmo una bugia: l’accordo che ha sottoscritto con lo Stato non va bene per com’è stato fatto”. Riguardo al rimpasto nel governo regionalefa bene Musumeci – dice – a prendersi il suo tempo: ma oltre ai nuovi assessori ai Beni culturali e al turismo ci vuole anche un nuovo assessore al Bilancio, che non sia solo tecnico ma politico”. 

In merito alle prossime alleanze dei berlusconiani, a suo dire il futuro è quello di una grande coalizione di centrodestra: “Agli elettori – sottolinea – non interessano dinamiche complesse, complotti o calcoli: la gente vuole una Forza Italia che parli un linguaggio chiaro, come fa Salvini. Lo cito come fenomeno sociale: Salvini parla di tre/quattro punti e prende tanti voti. Pure noi abbiamo preso molti voti in Sicilia, perchè con Miccichè abbiamo parlato in modo chiaro, con temi in parte diversi da quelli della Lega, ma questo è naturale in una coalizione in cui ci dovranno essere diverse anime. Il futuro non è in una coalizione fra Lega e Fratelli d’Italia che escluda Forza Italia, ma occorre ricondurre il confronto al centrodestra, nonostante alcuni argomenti ci separino giustamente da Salvini, come il tema dell’immigrazione”. 

Guarda in alto il video della 68ª puntata

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.