26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28
Palermo

Il 18 aprile ai Cantieri culturali della Zisa

“Musiche senza confini”: a Palermo, la drone music di Alfredo Giammanco

16 Aprile 2019

Sintetizzatori analogici e computer che rielaborano in tempo reale un singolo suono che, di volta in volta, diventa qualcosa di diverso. È questa la musica di Alfredo Giammanco, compositore palermitano che si esibirà, accompagnato dalla danzatrice Silvia Giuffrè, nell’ambito della rassegna “Musiche senza confini”, giovedì 18 aprile alle ore 21,30, al Cre.zi.Plus dei Cantieri Culturali della Zisa di Palermo, giunta alla sue terza edizione.

Locandina GiammancoLa rassegna di musiche altre, ideata e diretta a Mario Crispi e prodotta dall’associazione culturale Formedonda, ospiterà un concerto che riprende lo stile musicale della drone music. Uno stile che enfatizza suoni, note o cluster estendendoli e ripetendoli, inventato negli anni sessanta dal compositore statunitense La Monte Thornton Young.

Nel corso della sua performance Alfredo Giammanco elaborerà in tempo reale un singolo suono, trasformandolo attraverso sintetizzatori analogici modulari e computer. A questa dimensione sonora si inserirà la coreografia di Silvia Giuffrè, nota danzatrice trapanese di danza contemporanea.

Alfredo Giammanco, musicista di origini palermitane ha studiato privatamente pianoforte e in seguito composizione, musica jazz e musica elettronica al Conservatorio di musica Antonio Scontrino di Trapani, è orchestrale per l’Orchestra della Nazionale Cantanti. Ha collaborato anche con diversi musicisti come Roby Berti (batterista di Vasco Rossi ed Elisa) e  Ricky Portera (chitarrista di Lucio Dalla). Alfredo GiammancoNel 2010 è entrato a far parte de iMusicanti, insieme ai quali ha inciso gli album “Arsura” e “Genti”. Ha vinto il “Premio Marcello Marino” con esecuzione di “Musiche per sintetizzatore, lappo altri congegni”. Attualmente si esibisce in live electronics con linguaggi contemporanei orientati verso i soundscape, strutturalismo e arte sonora con catene di sintesi elettroacustiche ibride tra comportamenti analogici e digitali. Nel 2018 Alfredo Giammanco ha dato alle stampe l’album “Dronescapes” per l’etichetta Nostress Netlabel.

silvia giuffrèSilvia Giuffrè , invece, si è laureata in filosofia presso l’Università di Palermo, nel 1998 ha vinto una borsa di studio per merito dalla London Contemporary Dance School di Londra e nel 2006 una menzione speciale per il talento artistico al premio internazionale Palermo in Danza. Dal 1999 ha intrapreso un percorso di studi sulla danza contemporanea in seno alla compagnia Moto Armonico Danza diretta da Betty e Patrizia Lo Sciuto.  Ha interpretato (sino ad oggi) di tutti gli spettacoli della compagnia realizzati in collaborazione con gli Amici della Musica di Trapani. Ha studiato a New York presso la Trisha Brown Dance Company dove ha frequentato anche il Movement Research. Ha partecipato insieme ad altri venti danzatori europei al gruppo di sperimentazione per la ricerca di Steve Paxton presso il Centre National de la Danse di Parigi, e con Mathilde Monnier a Vienna. Ha collaborato con il Teatro Biondo Stabile di Palermo, lavorato con la regista Emma Dante e calcato svariati e importanti palcoscenici, nazionali e non.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.