19 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.20
Palermo

Trasferita per complicazioni dal Buccheri al Civico

Neonata morta dopo il parto a Palermo, genitori denunciano l’ospedale

5 dicembre 2017

Una neonata è morta a Palermo dopo il parto all’ospedale Buccheri La Ferla: i genitori di Celeste hanno presentato una denuncia ai carabinieri per accertare le responsabilità della morte.

Nell’esposto hanno raccontato che la sera del 2 dicembre la madre della piccola aveva rotto le acque; il marito l’ha accompagnata al pronto soccorso ostetrico del Buccheri La Ferla dove era stata seguita durante i nove mesi di gravidanza. “Viene ricoverata e monitorata – racconta il fratello della donna nella denuncia – in attesa del parto naturale. Durante la notte mia sorella ha iniziato il travaglio”. In serata, i medici hanno deciso di effettuare un taglio cesareo d’urgenza, ma solo “su continue richieste dei due genitori”.

Intorno alle 22 del 3 dicembre la madre, 33 anni residente a Carini, ha dato alla luce Celeste: 3,7 chili. “Dopo circa 10 minuti dal parto – prosegue il fratello – ho appreso da mio cognato che la bambina aveva avuto delle complicazioni“. Circostanza confermata dalla stessa equipe sanitaria del reparto di terapia intensiva neonatale del Buccheri. “Alle 3 del 4 dicembre – aggiunge – ci riferiscono che la bambina deve essere sottoposta a trattamento ipotermico e per questo motivo, necessitava di essere trasportata al Civico poiché lì non disponevano delle attrezzature”.

La piccola in serie difficoltà respiratorie è stata portata all’ospedale Civico dove è morta poco dopo. “La neonata – dice Giorgio Trizzino direttore sanitario dell’ospedale Civico – è giunta già in condizioni di morte cerebrale. Il decesso è avvenuto dopo circa due ore”.

I genitori di Celeste hanno chiesto l’autopsia e il sequestro della cartella clinica.

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...