14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.09
Siracusa

fino al 15 settembre

Noto: al Palazzo reale di Nicolaci la mostra di artisti internazionali “Il Labirinto dello sguardo”

14 Giugno 2019

Verrà inaugurata sabato 15 giugno, alle 20, nella Galleria espositiva di Palazzo reale di Nicolaci a Noto la mostra collettiva internazionale d’Arte contemporanea “Il Labirinto dello sguardo“.

L’evento promosso dall’associazione Altera Domus di Paola Ruffino, in collaborazione con il Comune di Noto, il Comune di Catania, l’ambasciata Argentina, al suo interno ospiterà anche la personale “Pellegrini nel tempo” del premio Oscar argentino Eugenio Zanetti, curata da Massimo Scaringella.

Zanetti è uno dei creativi più noti a livello internazionale, tra Argentina, Europa e Stati Uniti, ha iniziato la sua carriera lavorando con Pier Paolo Pasolini nella Medea, tappa che ha marcato profondamente la sua carriera artistica.

La sua poliedrica attività artistica va dalla direzione di cinema, opera e teatro, alla scenografia, all’illustrazione, alla pittura, attività che lo hanno portato a vincere, 1996, l’Oscar per la sceneggiatura del film “Restoration – Il peccato e il castigo“.

Tra gli artisti internazionali presenti che esporranno: Mirta Gontad, Alicia Masò, Jorge Miño e Alejandro Saderman (Argentina); Jairo Valdati (Brasile); German Tagle (Cile); Qin Jian (Cina); Joachim K. Silue (Costa d’Avorio); Hannu Palosuo e Tuomo Rosenlund (ROP) (Finlandia); Arnd Christian Müller (Germania/Cina).

Tra gli italiani Bankeri, Alex Caminiti, Primarosa Cesarini Sforza, Stefania Fabrizi, Renato Guttuso, Caterina Notte, Gianmarco Montesano, Sonia Viccaro, Francesca Tulli, Pietro Zucca, Dimitri Salonia, Carmelo Fabio d’Antoni.

E poi ancora: Xavier Bueno (Spagna); Aisha Chan e Peter Warrick (UK Regno Unito); Gimaka (Senegal).

La mostra, promossa da Alex Caminiti, resterà aperta tutti i giorni fino al 15 settembre dalle 18 alle 21, (escluso il mercoledì).

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.