14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.41

Cresce il distacco tra Nord e Sud

Occupazione, Sicilia cenerentola d’Italia con appena il 44%. Il lavoro è un miraggio

15 Aprile 2019

Se nella provincia autonoma di Bolzano gli occupati son il 79% della popolazione, tra le persone tra i 20 e i 64 anni, in Sicilia il dato arriva appena al 44,1%: un abisso di 35 punti percentuali.

Questo, uno dei quadri che emerge dal dossier Agi-Openpolis su dati Istat 2018, secondo cui vi è una forte discrepanza tra le regioni del Nord, tutte al di sopra della media del 63%, e quelle del Sud, che presentano i tassi di occupazione più bassi: oltre alla Sicilia, la Campania con il 45,3%, la Calabria con  45,6%, Puglia 49,4%.

In Emilia Romagna, invece, la percentuale di occupati è del 74,4%, nella Provincia di Trento del 73,6%, in Valle d’Aosta del 72,9% e in Lombardia del 72,6%.

Rispetto al 2008, la situazione della Sicilia e della Calabria è decisamente peggiorata (rispettivamente -4,2% e -2,7%); variazioni positive sono state registrate al Nord e in Toscana, con l’eccezione della Liguria (-0,2%).

Le regioni settentrionali sono quindi uscite dalla crisi economica, mentre quelle del Mezzogiorno continuano a retrocedere. Rispetto all’obiettivo 2020 del 67%, l’occupazione dovrebbe crescere per l’intero territorio nazionale di 4 punti: ma se per Lazio (65,3%) e Abruzzo (62,2%) la meta può apparire raggiungibile, per le regioni meridionali la distanza è nell’ordine di circa venti punti percentuali.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.