13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.32
Catania

ECCO LE PAROLE DEL MISTER

Palermo calcio, al Barbera arriva il Biancavilla. L’intervista a mister Pidatella

10 Settembre 2019

Mentre il Palermo calcio batteva il San Tommaso, nella seconda giornata di Serie D – Girone I si scontravano Biancavilla e Roccella, ovvero le prossime avversarie del Palermo in Coppa Italia e in campionato. Sul campo ha prevalso la formazione etnea con il risultato di 1-0, grazie al gol di Amaya al 75′,  su un errore difensivo della formazione calabrese.

Grazie a questa vittoria, il Biancavilla si trova a 6 punti in classifica, a punteggio pieno insieme ai rosanero e all’Acireale. Abbiamo sentito Orazio Pidatella, allenatore del Biancavilla classe 1970.

Il mister catanese vanta una serie di esperienza nel calcio regionale ed è subentrato sulla panchina gialloblu nel luglio scorso, portando le sue idee di gioco e di calcio offensivo.

La formazione catanese gioca con un 4-2-3-1 il cui punto di forza principale è il gioco di squadra. La formazione etnea pratica un calcio corale, coinvolgendo molti uomini in fase offensiva.

Mister, grazie della sua disponibilità. A volte il destino è strano. Avete affrontato il Roccella, squadra che giocherà contro i rosanero domenica prossima. Cosa ci può dire di questa squadra?

Il Roccella è una squadra rognosa, scorbutica, difficile da affrontare. Noi dobbiamo migliorare in alcune cose. Di buono ci sono i tre punti, ma il nostro gruppo è in crescita.

Con quale spirito affronterà questa sfida di Coppa Italia contro il Palermo?

Giocare in settimana è impegnativo, specialmente se sabato ci aspetta il Licata. Non abbiamo una rosa molto grande, quindi dobbiamo gestirci. Affronteremo questa sfida con lo spirito di una squadra che vuole crescere, con umiltà.

Sei punti in campionato, primo posto in classifica, qual’è il bilancio di questo inizio di campionato di Serie D? Quali sono i vostri obiettivi?

Noi abbiamo pensato a giocare come se questa prime due partite fossero le ultime due del campionato. In campionato la presenza del Palermo cambia poco l’economia del nostro campionato. Chi aveva l’idea di fare benissimo, ovvero puntare alla promozione, è rimasto giustamente spiazzato. Il nostro obiettivo è andare a dormire il sabato pensando di dare il meglio. Non possiamo fare voli pindarici. Più entriamo nel vivo del campionato, più ci inoltriamo nel vortice della tempesta.

Palermo calcio: in campionato ti aspetta il Roccella. L’intervista al DS Francesco Curtale

 

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Grazie a Dio è Venerdì Jean-Jacques

Ho seguito la politica sui mezzi di comunicazione informatica fino al suggello dell’esito della crisi, attraverso i social e mi sono fatto un po' di domande sulla loro infallibilità. Ci si può fidare un "computerone"? È vera la completa assenza di un moderatore fisico in grado di influenzare e ribaltare le scelte del sistema informatico.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.