19 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.20
Palermo

Dal 15 al 22 ottobre

Palermo: il Club di Aquilea in città per ammirare il patrimonio Unesco

10 ottobre 2017

In occasione della presentazione del progetto “Palermo si racconta Capitale della Cultura 2018“, la città ospiterà dall’11 al 15 ottobre, tramite il Club per l’Unesco di Palermo, l’omologo Club di Aquileia, del Friuli Venezia Giulia.

Il Club di Palermo ha voluto intraprendere un progetto di ricerca con esperti del Patrimonio culturale della Città e con il coinvolgimento di artisti, testimoni viventi delle tradizioni popolari siciliane, dando così il proprio contributo alla valorizzazione del territorio, con la realizzazione di percorsi inediti, oltre alla promozione del Sito Seriale Arabo Normanno.

Sono stati individuati diversi itinerari, alla scoperta degli innumerevoli tesori della città di Palermo, da raccontare ai Soci dei Club e dei Centri per Unesco d’Italia. A tal proposito sono stati formati dei ragazzi, da esperti del settore, sul nostro Patrimonio Culturale come opportunità di Sviluppo economico del territorio e di occupazione.

Questi faranno da accompagnatori turistici ai soci degli altri Club ospiti a Palermo. Una delegazione di appassionati di arte e cultura visiterà i siti di Palermo e provincia scelti con cura dallo staff palermitano che ha programmato il percorso attraverso i luoghi più belli e suggestivi di Palermo, Cefalù e Monreale.

Molti gli incontri eccellenti e le personalità che seguiranno questo tour. Fra i luoghi più insoliti e meno conosciuti ci saranno le Catacombe di via D’Ossuna e la chiesa di San Matteo al Cassaro in un giro immaginario per i luoghi dei Beati Paoli; e ancora la chiesa della Maddalena, gioiello normanno, imprigionato dalla caserma dei Carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa, fra il Cassaro e il Mercato delle Pulci, e la stanza delle Meraviglie, recente ritrovamento in un palazzo seicentesco in via Porta di Castro.

 

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...