23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42
Palermo

agguato in via Rocky Marciano

Palermo, sparatoria allo Zen 2: uccisi in strada padre e figlio

14 Marzo 2019

Due persone, padre e figlio, sono state uccise con colpi d’arma da fuoco in un agguato avvenuto questa sera nel quartiere Zen 2 di Palermo. Le vittime sono Antonino Lupo, di 53 anni, e il figlio Giacomo, di 19.

L’imboscata è scattata in via Rocky Marciano, a poca distanza dalla loro abitazione. I due sono stati trasportati in gravi condizioni nel Pronto soccorso dell’ospedale Villa Sofia dove sono deceduti. Sono in corso indagini della polizia.

Secondo quanto risulta negli schedari della polizia Antonino Lupo ha numerosi precedenti penali, tutti per reati legati allo spaccio di stupefacenti. Il figlio sarebbe incensurato.

Subito dopo la sparatoria alcuni familiari hanno caricato su un’auto Antonino Lupo, mentre Giacomo è stato soccorso da un’ambulanza. Davanti al Pronto soccorso dell’ospedale Villa Sofia si è immediatamente radunata una folla composta da parenti e amici delle due vittime che hanno dato in escandescenze; gli agenti di polizia intervenuti sul posto hanno dovuto faticare non poco per sedare gli animi e mantenere la situazione sotto controllo.

 

LEGGI ANCHE:

Si è costituito l’uomo che avrebbe ucciso padre e figlio allo Zen 2

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.